CEO Volkswagen: risultati “deludenti” del G7 sul carbone

Herbert Diess ha anche parlato di “assurdità normativa” riguardo all’idea di far funzionare i veicoli elettrici a carbone

CEO Volkswagen: risultati “deludenti” del G7 sul carbone
2' di lettura

Herbert Diess, amministratore delegato della casa automobilistica tedesca Volkswagen Group (OTC:VWAGY), martedì ha ripreso le nazioni del G7 per non aver fissato un termine ultimo per l’eliminazione graduale del carbone chiedendo maggiori iniziative per raggiungere l’obiettivo climatico di riduzione delle emissioni di gas serra di almeno il 55% al di sotto dei livelli del 1990 entro il 2030.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo

Diess ha affermato via Twitter che il G7 non ha fatto abbastanza e che il forum politico recentemente concluso ha fornito un “risultato deludente”, insistendo sulla necessità di cessare l’utilizzo del carbone molto prima di quanto previsto.

“I veicoli elettrici sono fondamentali per raggiungere gli obiettivi climatici per il 2030, ma i veicoli elettrici hanno senso solo con l’energia verde: lasciare che funzionino a carbone è un’assurdità normativa”, ha twittato Diess.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Perché è importante

Il recente vertice del G7, che ha coinvolto Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti, non è riuscito a fissare una data ultima per l’eliminazione graduale dell’uso del carbone, un aspetto chiave per poter raggiungere gli obiettivi del cambiamento climatico globale.

Il forum politico ha respinto una proposta per fermare la produzione di auto diesel e a benzina, e non ha fatto abbastanza per fissare una termine ultimo all’uso del carbone nei propri Paesi.

La casa automobilistica tedesca sta cercando di passare oltre lo scandalo delle emissioni Dieselgate. Infatti, con la direzione di Diess, che ha assunto la carica di amministratore delegato nel 2018, ha intensificato i piani per rendere elettrico il proprio portafoglio veicoli.

La compagnia prevede che entro il 2030 oltre il 70% delle vendite europee del suo marchio Volkswagen sarà costituito da veicoli elettrici, in aumento rispetto al precedente obiettivo del 35%, e che entro quella data negli Stati Uniti e in Cina la metà delle vendite sarà costituita da auto elettriche.

Volkswagen e altre case automobilistiche globali, tra cui General Motors Co (NYSE:GM) e Ford Motor Co (NYSE:F), stanno fissando scadenze più ravvicinate e stanno stanziando miliardi di dollari per una rapida transizione a una gamma di veicoli completamente elettrici, un’innovazione introdotta e accelerata da Tesla Inc (NASDAQ:TSLA), azienda guidata da Elon Musk.

Leggi anche: Ford alza target di investimento a 5 anni su elettrico

Movimento dei prezzi

Lunedì le azioni OTC di Volkswagen hanno chiuso in calo dello 0,72% a 35,95 dollari.

Foto di Matti Blume su Wikimedia