AMD, dopo Tesla ora anche Google fra i suoi clienti

L’azienda produttrice di GPU porta a casa un’altra importante collaborazione dopo quella con Tesla; ecco tutto quel che c’è da sapere

AMD, dopo Tesla ora anche Google fra i suoi clienti
2' di lettura

Advanced Micro Devices, Inc (NASDAQ:AMD) e Google – consociata di Alphabet Inc (NASDAQ:GOOGL) (NASDAQ:GOOG) – giovedì hanno annunciato il lancio di T2D.

Cosa è successo

“Oggi Google Cloud ha annunciato T2D, la prima istanza della nuova famiglia di Tau Virtual Machines (VM) alimentata da processori AMD EPYC™ di terza generazione”, ha affermato il produttore di chip in una nota.

“Secondo Google Cloud, l’istanza T2D offre prestazioni assolute superiori del 56% e prestazioni di prezzo superiori di oltre il 40% per carichi di lavoro con scalabilità orizzontale”.

AMD ha affermato che le istanze T2D che utilizzano i processori EPYC eccellono nei carichi di lavoro, fra cui quelli per server web, microservizi containerizzati, raccolta ed elaborazione dati, applicazioni Java su larga scala e altro ancora.

Le istanze T2D saranno disponibili nel terzo trimestre, ha affermato AMD.

Le azioni AMD hanno chiuso la sessione regolare di giovedì in aumento del 5,55% a 84,56 dollari; in after-market le azioni sono ulteriormente salite dello 0,45%.

Perché è importante

Il titolo AMD scambia al di sopra della media mobile a 50 giorni e giovedì ha superato la media mobile a 200 giorni, un indicatore che sta diventando rialzista, ha affermato Tyler Bundy di Benzinga commentando il grafico giornaliero delle azioni della società.

Questa è la seconda acquisizione di un cliente di alto profilo da parte di AMD questo mese, dopo aver già ottenuto lo stesso risultato con Tesla Inc (NASDAQ:TSLA).

Questo mese, infatti, la società guidata da Elon Musk ha confermato che utilizzerà processori e chip grafici AMD nei sistemi di infotainment dei suoi veicoli Model S e X.

Secondo AMD, i processori EPYC di terza generazione consentiranno ai clienti di Google Cloud di “integrare perfettamente i carichi di lavoro con i loro attuali ecosistemi x86, consentendo alle applicazioni e ai framework di funzionare con le istanze T2D”.

“Le nuove istanze sono offerte in otto diverse forme predefinite di macchine virtuali, con un massimo di 60 processori virtuali per macchina virtuale e fino a 4 GB di memoria per processore virtuale, rendendo questa tecnologia ideale per carichi di lavoro con scalabilità orizzontale”, ha affermato il produttore di chip.

Foto di Fritzchens Fritz su Flickr