Maggior fondo pensione USA riduce su big tech nel 2° trim.

Il sistema pensionistico dei dipendenti pubblici della California ha ridotto l’esposizione a Tesla e accumulato su Walmart, Tesla e Amazon

Maggior fondo pensione USA riduce su big tech nel 2° trim.
3' di lettura

Nel secondo trimestre il California Public Employees’ Retirement System, fondo pensione dei dipendenti pubblici della California, ha aumentato notevolmente la sua esposizione nel colosso della vendita al dettaglio Walmart Inc (NYSE:WMT) e ha modificato le posizioni in Tesla Inc (NASDAQ:TSLA) e nei cosiddetti titoli FAANG, come indicano i documenti normativi.

I movimenti in portafoglio

Il più grande fondo pensione degli Stati Uniti per asset ha aggiunto il 15,6% di volume in più su Walmart, portando la partecipazione totale nel gigante retail a 10,57 milioni di azioni alla fine del secondo trimestre.

Walmart ha registrato un altro trimestre di aumento delle vendite negli Stati Uniti; sia il fatturato che gli utili hanno superato le stime di Wall Street. Le visite in negozio hanno compensato una crescita online più lenta, poiché i clienti si sono riversati nei negozi alla riapertura delle attività economiche avvenuta in seguito al lancio della campagna vaccinale anti-Covid.

Il CalPERS, come è comunemente noto il fondo, alla fine del secondo trimestre deteneva azioni Walmart per un valore di 1,49 miliardi di dollari.

Dall’inizio dell’anno le azioni Walmart sono in rialzo del 3,3% e mercoledì hanno chiuso in calo dell’1,06% a 149,10 dollari.

Movimenti sui titoli FAANG

Alla fine del secondo trimestre il CalPERS risulta aver ridotto del 2,1% la sua posizione su Facebook Inc (NASDAQ:FB) a quota 5,4 milioni di azioni.

Il fondo ha poi tagliato del 3% la sua posizione in Apple Inc (NASDAQ:AAPL) a 35,23 milioni di azioni, e alla fine del trimestre deteneva azioni del colosso tech di Cupertino per un valore di 4,8 miliardi di dollari.

Le azioni Apple, in rialzo del 10,3% dall’inizio dell’anno, mercoledì hanno chiuso in rosso del 2,55% a 146,36 dollari.

Il fondo pensione ha anche ridotto la sua posizione in Alphabet Inc (NASDAQ:GOOG) (NASDAQ:GOOGL) – società madre di Google – del 2,76% a 1,37 milioni di azioni, sia di classe A che di classe C.

Il fondo CalPERS con sede a Sacramento (California), ha poi incrementato la sua quota in Netflix Inc (NASDAQ:NFLX) del 15,4% a 1,17 milioni di azioni, per un valore di circa 619 milioni di dollari alla fine di giugno.

Il CalPERS ha aumentato la sua posizione in Amazon.com Inc (NASDAQ:AMZN) del 3% a 1,08 milioni di azioni, per un valore di circa 3,74 miliardi di dollari alla fine del trimestre di giugno.

Da inizio anno le azioni Netflix hanno ceduto il 3,5% e quelle di Amazon hanno guadagnato l’1,74%; mercoledì le azioni Netflix hanno chiuso in rialzo dello 0,57% a 521,87 dollari e quelle di Amazon sono scese dell’1,27% a 3.201,22 dollari.

Leggi anche: Apple, GM e altri: come cambia il portafoglio di Berkshire Hathaway

Dall’inizio dell’anno le azioni di Classe A di Alphabet sono aumentate di circa il 54,6% e quelle di Classe C di circa il 55,9%; nello stesso arco di tempo, le azioni Facebook hanno avuto un rendimento del 30,2%. Mercoledì le azioni Facebook hanno chiuso in calo dello 0,84% a 355,45 dollari e quelle di Alphabet hanno chiuso a 2.708,98 dollari, in rosso dello 0,89%.

Altri movimenti

Il fondo pensione ha ridotto la sua posizione in Tesla dello 0,7% a circa 1,75 milioni di azioni.

Le azioni della società guidata da Elon Musk, che dall’inizio dell’anno sono arretrate del 2,33%, mercoledì hanno chiuso in aumento del 3,50% a 688,99 dollari.

Il fondo ha anche diminuito di circa l’1% la sua partecipazione in Microsoft Corp. (NASDAQ:MSFT) a circa 18,2 miliardi di azioni; il titano tecnologico resta la maggior partecipazione del fondo.

Nel deposito trimestrale 13F riportato alla fine del secondo trimestre, il CalPERS ha riportato un valore dei suoi titoli azionari pari a 133 miliardi di dollari, in rialzo rispetto ai 131,4 miliardi del trimestre precedente.

Foto per gentile concessione di Coolcaesar tramite Wikimedia