Rincari in vista per la birra causa aumento costi materie prime

1' di lettura

L’aumento del costo dell’energia ha ripercussioni sulle materie prime e sui generi alimentari. Ecco perché se il prezzo sale è più difficile che poi riesca a sgonfiarsi

Il prezzo delle materie prime continua a crescere. Vuol dire che ci ritroveremo delle bollette di luce e gas più care – per il ministro della Transizione ecologica Cingolani fino al 40 per cento ad ottobre – ma non solo. La raffica di aumenti avrà ricadute anche sui prezzi dei beni al dettaglio come pane, pasta e perfino birra. La crescita dei costi dei beni al dettaglio è una conseguenza dell’aumento del prezzo delle materie prime che sale perché costa di più l’energia necessaria per produrle.

ELETTRICITÀ PIÙ CARA DEL 40%

Il governo si interroga su come limitare gli effetti in bolletta. Per le famiglie si profila in salasso da 500 euro. Di sicuro c’è il fatto che se non si dovesse intervenire, luce e gas costeranno molto di più. Ma perché? Prima di tutto è bene ricordare che l’aumento dei prezzi dell’elettricità non riguarda solo l’Italia. Dal secondo trimestre del 2020 allo scorso agosto, il prezzo dell’energia elettrica per le famiglie italiane è passato da 16,08 a 22,89 centesimi di euro per kilowattora, con un aumento superiore al 40 per cento…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.