Michael Dell definisce la blockchain sottovalutata

Il fondatore di Dell, però, non esprime nessun commento su Bitcoin

Michael Dell definisce la blockchain sottovalutata
1' di lettura

Il fondatore, presidente e amministratore delegato di Dell Technologies Inc (NYSE:DELL), Michael Dell, ha affermato che probabilmente la blockchain è sottovalutata, il che implica che il pieno potenziale dell’ormai decennale tecnologia dev’essere ancora sfruttato.

Quando gli è stato chiesto di Bitcoin (CRYPTO:BTC), il fondatore di Dell ha però dichiarato: “A questo non rispondo; non lo so davvero”.

Finora Dell ha venduto quasi 800 milioni di PC e ha una capitalizzazione di mercato di 80 miliardi di dollari.

Sebbene Michael Dell non abbia voluto parlare di Bitcoin, a metà del 2014 la società ha accettato pagamenti in Bitcoin attraverso una partnership con Coinbase.

Nel corso di una promozione mensile a luglio del 2014, l’azienda ha offerto un risparmio del 10% sui computer Alienware usando i Bitcoin per una cifra massima di 150 dollari.

L’azienda ha poi smesso di accettare i pagamenti in Bitcoin ad ottobre del 2017 a causa della bassa domanda.

Michael aveva recentemente definito la tecnologia blockchain come potenziale fattore di reddito, insieme ai veicoli autonomi e al biotech basato sull’intelligenza artificiale.

La dichiarazione è stata fatta da Dell mentre questi parlava del suo nuovo libro, ‘Play Nice but Win: A CEO’s Journey From Founder to Leader’, in cui discute l’acquisto, la vendita, la quotazione e il delisting di varie società nel corso della sua carriera.
Foto: Unsplash