Perché Alibaba e tech cinesi crollano sull’Hang Seng?

L’imminente riunione di politica monetaria della Federal Reserve e l’aumento dei casi di COVID-19 a Hong Kong hanno pesato sull’indice Hang Seng

Perché Alibaba e tech cinesi crollano sull’Hang Seng?
2' di lettura

Lunedì le azioni delle tech cinesi quotate negli Stati Uniti sono risultate in netto calo a Hong Kong, trascinando l’indice Hang Seng in territorio negativo.

Perché si sta muovendo?

Al momento della pubblicazione, l’indice Hang Seng era in calo dello 0,9%; gli investitori sono diventati cauti in vista della riunione di politica monetaria della Federal Reserve prevista per questa settimana.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

I timori per l’inasprimento della politica monetaria da parte della Federal Reserve e l’aumento dei casi di COVID-19 a Hong Kong, che potrebbero influire su un’ulteriore riapertura economica del polo finanziario asiatico, hanno pesato sul mercato.

Domenica Hong Kong ha confermato 140 nuove infezioni da coronavirus, il massimo giornaliero degli ultimi 18 mesi, ha riferito il South China Morning Post.

Leggi anche: Su Alibaba il sentiment è rialzista ma non a breve termine

I movimenti

In seguito alla notizia, le azioni delle compagnie tech cinesi quotate negli Stati Uniti hanno quasi tutte avuto un calo.

  • JD.com Inc. (NASDAQ:JD): -5,3%
  • Alibaba Group Holding Limited (NYSE:BABA): -5,1%
  • Xpeng Inc. (NYSE:XPEV): -4,9%
  • Baidu Inc. (NASDAQ:BIDU): -3,8%
  • Li Auto Inc. (NASDAQ:LI): -3,5%
  • Tencent Holdings Limited (OTC:TCEHY): -1,9%

Le azioni di China Evergrande Group (OTC:EGRNY) hanno guadagnato oltre il 7% dopo che la società di sviluppo immobiliare ha dichiarato di aver nominato come direttore non esecutivo del suo board il funzionario di una divisione della società statale di gestione patrimoniale China Cinda Asset Management.

Un report di Bloomberg ha evidenziato che lunedì China Evergrande dovrà affrontare i pagamenti delle cedole in scadenza per per un totale di 352,5 milioni di dollari.

Intanto, è stato riferito che il CEO di Tesla Inc. (NASDAQ:TSLA) Elon Musk ha pubblicato su Twitter un’immagine di arte dei graffiti sul muro della Gigafactory di Berlino, scatenando le speculazioni sul fatto che l’impianto potrebbe presto entrare in funzione.

L’inizio della produzione presso la Gigafactory di Berlino è cruciale affinché Tesla possa incrementare la propria capacità produttiva, dato che al momento esporta in Europa le automobili prodotte in Cina.

Le azioni delle società cinesi, incluso il produttore di veicoli elettrici Nio Inc. (NYSE:NIO), venerdì hanno chiuso in netto calo sui mercati USA dopo che i principali indici azionari statunitensi hanno terminato la sessione in ribasso per il quarto giorno consecutivo.