Come fare trading in un mercato azionario ribassista?

Benzinga indica 4 metodi da seguire per non farsi spaventare da un mercato orso: diversificare, mantenere una watchlist, coprire le scommesse e mediare gli acquisti

Come fare trading in un mercato azionario ribassista?
3' di lettura

Venerdì l’SPDR S&P 500 ETF Trust (NYSE:SPY) è brevemente sceso in territorio di correzione, portandosi in calo del 10% dai massimi di gennaio. Una correzione del 10% indica che l’S&P 500 è a metà strada verso un mercato azionario ribassista; se la debolezza dei titoli azionari proseguisse anche a febbraio, è meglio che chi fa trading si prepari in anticipo.

Ecco quattro suggerimenti che potrebbero aiutare i trader ad orientarsi in un mercato ribassista.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

1. Diversifica

È estremamente difficile evitare del tutto il massacro che si verifica durante un mercato ribassista; tuttavia diversificare il portafoglio può almeno aiutarti a evitare la parte peggiore di un movimento di trading ribassista.

Inoltre, se ci alcuni segmenti del mercato o asset class riescono a evitare la flessione, diversificando puoi assicurarti di avere almeno un po’ di verde nel portafoglio quando le cose si mettoneranno male.

Leggi anche: I 5 modi migliori per conoscere il mercato azionario nel 2022

2. Mantieni una watchlist

Quando il mercato crolla e la gente intorno a te è in preda al panico, non è un buon momento per fare analisi azionarie in tempo reale; un modo per evitare di essere sopraffatti dalle informazioni durante un mercato ribassista è mantenere una watchlist di titoli che potrebbero rendersi interessanti nelle giuste circostanze.

Le condizioni di mercato che rendono un titolo più o meno un acquisto interessante possono mutare. Una watchlist ti aiuta a restringere l’attenzione da un universo di migliaia di titoli a una manciata di candidati selezionati.

3. Copri le tue scommesse

In mercati ribassisti le coperture di portafoglio possono risultare particolarmente efficaci; strategie di copertura quali l’acquisto di opzioni put sull’S&P 500 sono essenzialmente un’assicurazione per il tuo portafoglio azionario.

È estremamente difficile cronometrare il bottom di un mercato ribassista. Tuttavia, aggiungere una piccola posizione in contratti put sull’S&P 500 a qualsiasi grosso acquisto di azioni fatto durante un mercato ribassista può aiutarti a compensare perdite aggiuntive, e persino a guadagnare nel trading qualora il mercato azionario scenda ulteriormente.

4. Media i tuoi acquisti

Invece di provare a indovinare quando si formerà il minimo del mercato azionario e andare all-in su una manciata di titoli che desideri acquistare, lascia che sia il mercato a dettare le dimensioni della tua posizione sfruttando la tecnica del dollar-cost averaging, ovvero “mediare” l’acquisto di azioni.

Se hai scelto quali titoli desideri acquistare, inizia facendo trading su una piccola posizione e poi effettua acquisti periodici su quella posizione mentre i prezzi continuano a scendere; una volta che il mercato inizierà a rimbalzare, la tecnica del dollar-cost averaging permetterà abbasserà la base di costo complessiva delle tue partecipazioni. Il risultato sarà una base di costo inferiore a quella che avresti se avessi comprato tutte le tue posizioni all’inizio del mercato ribassista.

Il punto di vista di Benzinga

In questo momento i mercati ribassisti possono fare molta paura ed essere devastanti per trader con leva finanziaria eccessiva, copertura insufficiente o troppo esposti; comunque, per gli investitori equilibrati e a lungo termine, i mercati ribassisti non sono motivo di panico e anzi costituiscono ottime opportunità per fare il pieno di titoli azionari di alta qualità a prezzi scontati.

Ti potrebbe interessare: Come costruire un portafoglio azionario alla Buffett

Foto: Yan Krukov da Pexels