Fisco, ecco come pagare meno tasse da dipendenti

Fisco, ecco come pagare meno tasse da dipendenti
1' di lettura

Con la legge di Bilancio 2022 si sono ridotti gli scaglioni Irpef, ma la tassazione per i lavoratori dipendenti comprende anche le addizionali regionali e comunali. Ecco quali sono le spese che non sono tassate

Con la legge di Bilancio 2022 gli scaglioni Irpef sono diminuiti da cinque a quattro. L’aliquota d’imposta per i lavoratori dipendenti è del 23% per i redditi fino a 15mila euro; del 25% per quelli compresi tra i 15mila e i 28mila euro; del 35% per i redditi fra 28mila e 50mila euro e, infine, del 43% per i redditi superiori ai 50mila euro. Il fine della riforma fiscale è quello di alleggerire la pressione sui redditi medi, ma la tassazione per chi ha un contratto di lavoro dipendente, oltre all’Irpef, include anche le addizionali regionali e comunali.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

COS’È L’IRPEF

L’imposta sul reddito delle persone fisiche è stata introdotta con la riforma tributaria del 1973. Si tratta di una tassa che riguarda le persone fisiche e, in alcuni casi, le società che però la versano attraverso i soci. Chi risiede in Italia paga sui redditi prodotti in Italia o all’estero, chi invece non è residente è tenuto a versare l’imposta solo relativamente ai redditi prodotti nel territorio italiano. Giusto per rendere l’idea, nel 2016 il gettito Irpef complessivo ha superato i 180 miliardi di euro, pari a più di un terzo del totale delle entrate tributarie…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.