Tesla rivela il valore delle sue quote in Bitcoin a fine 2021

Tesla ha dichiarato che il fair value di mercato delle sue partecipazioni in Bitcoin alla fine dell'anno scorso era di 1,99 miliardi di dollari

Tesla rivela il valore delle sue quote in Bitcoin a fine 2021
2' di lettura

Attraverso un documento normativo depositato presso la Securities and Exchange Commission (SEC), lunedì mattina Tesla Inc. (NASDAQ:TSLA) ha rivelato di aver subito una svalutazione delle sue partecipazioni in Bitcoin (CRYPTO:BTC) pari a 101 milioni di dollari nel 2021.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo

Il produttore di veicoli elettrici ha dichiarato che il fair value di mercato delle sue partecipazioni in Bitcoin alla fine del 2021 era di 1,99 miliardi di dollari; solo nel primo trimestre del 2021 la società aveva infatti investito 1,5 miliardi nella principale criptovaluta al mondo.

Tesla ha evidenziato i guadagni per 128 milioni di dollari su alcune vendite di Bitcoin effettuate nel primo trimestre del 2021.

Leggi anche: Bitcoin sopra i 42.000 mentre Ethereum supera i $3.000



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Nel documento depositato presso la SEC, la società guidata da Elon Musk ha dichiarato che continua a “credere nel potenziale a lungo termine degli asset digitali sia come investimento che come alternativa liquida al contante”.

Tesla ha anche osservato che potrebbe “incrementare o ridurre” le sue disponibilità di asset digitali “in qualsiasi momento”; questo a seconda delle esigenze dell’azienda e della sua visione del mercato e della situazione ambientale.

Perché è importante

Tesla ha investito in Bitcoin all’inizio del 2021, diventando la maggior azienda al mondo (in termini di capitalizzazione di mercato) a compiere una mossa del genere.

Il produttore di veicoli elettrici aveva anche iniziato ad accettare pagamenti in Bitcoin sull’online store, ma dopo poco ha annullato la decisione a per i timori legati all’impatto ambientale di Bitcoin.

Musk è un importante toro di Dogecoin (CRYPTO:DOGE) e di recente Tesla ha iniziato ad accettare la criptovaluta meme nello store.
Sia Bitcoin che Dogecoin utilizzano meccanismi di consenso proof-of-work nella loro rete, ma il mining di Dogecoin si basa sulla tecnologia scrypt, che lo rende meno energivoro.

Leggi anche: Musk: Tesla testerà pagamenti merchandising in Dogecoin