Quanto valgono oggi $100 investiti 5 anni fa in GameStop, AMD, Nvidia o Starbucks?

GameStop, AMD, Nvidia, Starbucks e Plug Power sono 5 titoli che nell’ultimo quinquennio hanno sovraperformato i pur rispettabili rendimenti dell’indice S&P 500

Quanto valgono oggi $100 investiti 5 anni fa in GameStop, AMD, Nvidia o Starbucks?
1' di lettura

Gli investitori che hanno investito i loro sudati guadagni nei principali indici statunitensi hanno goduto di rendimenti rispettabili negli ultimi 5 anni: nonostante la parziale correzione di mercato recentemente causata dalla guerra fra Russia e Ucraina e il crollo del mercato azionario nel 2020, l’SPDR S&P 500 ETF (NASDAQ:SPY), l’Invesco QQQ Trust Series 1 (NASDAQ:QQQ) e l’SPDR Dow Jones Industrial Average ETF Trust (NASDAQ:DIA) nell’ultimo quinquennio hanno guadagnato rispettivamente l’81,82%, il 156,72% e il 60,87%.

Leggi anche: Quanto valgono oggi $100 investiti in Waves il 1° gennaio?



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Nonostante il successo riscosso negli ultimi cinque anni da coloro che hanno investito nei principali indici USA, alcuni dei titoli più noti al mondo nei settori dei beni voluttuari, della tecnologia e della produzione di energia pulita hanno fornito rendimenti ancora migliori. I rialzisti che hanno rischiato su questi nomi sono stati premiati con guadagni che hanno sovraperformato gran parte del mercato più ampio.

I titoli in maggior rialzo da marzo 2017

Ecco quanto varrebbero oggi 100 dollari investiti in ciascuno dei seguenti titoli azionari all’inizio del 2017:

  • GameStop Corp. (NYSE:GME): 443,45 dollari
  • Advanced Micro Devices, Inc. (NASDAQ:AMD): 779,37 dollari
  • NVIDIA Corporation (NASDAQ:NVDA): 925,59 dollari
  • Starbucks Corporation (NASDAQ:SBUX): 165,10 dollari
  • Plug Power Inc (NASDAQ:PLUG): 2.184,16 dollari

Vuoi leggere altre notizie sui mercati azionari e le criptovalute? Non perderti la nostra newsletter per imparare a fare trading sulle opzioni.

Foto di Boudewijn Huysmans su Unsplash