Perché i bambini non muoiono di COVID-19?

Una ricerca condotta dal Wellcome Sanger Institute e dall'University College di Londra ha riscontrato una risposta immunitaria “innata” più robusta nei bambini

Perché i bambini non muoiono di COVID-19?
2' di lettura

La pandemia di COVID-19 ha causato oltre 6 milioni di vittime. Gli scienziati stanno ancora studiando perché la maggior parte dei bambini non soffre in modo grave di infezione da coronavirus. Secondo la CNBC, sono state suggerite diverse teorie; tra queste una risposta immunitaria innata più efficace, un minor rischio di reazione immunitaria eccessiva in caso di Covid grave, meno patologie preesistenti e forse meno recettori ACE-2 nell’epitelio respiratorio superiore (che si lega al virus).

Una ricerca condotta dal Wellcome Sanger Institute e dall’University College di Londra, e pubblicata sulla rivista Nature a dicembre, ha trovato una risposta immunitaria “innata” più robusta nelle vie aeree dei bambini, caratterizzata dal rapido dispiegamento di interferoni che aiutano a limitare la replicazione virale nelle prime fasi.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Leggi: Virali i commenti di Biden sul “nuovo ordine mondiale”

Negli adulti, i ricercatori hanno invece riscontrato una risposta immunitaria meno rapida, il che significa che il virus “è in grado di invadere meglio altre parti del corpo dove l’infezione è più difficile da controllare”.

Un altro vantaggio per i bambini è la loro maggiore esposizione ai virus, in particolare durante un periodo in cui i virus possono diffondersi rapidamente a scuola.

Una ricerca pubblicata alla fine del 2021 che ha esaminato il rischio complessivo rappresentato dal virus per i bambini ha rilevato che questo è molto basso per la maggior parte dei bambini e dei giovani sotto i 18 anni.

Lo studio ha rilevato che dei 3.105 bambini e giovani deceduti per tutte le cause durante il primo anno di pandemia in Inghilterra, 25 sono morti di Covid; questo corrisponde a un tasso di mortalità complessivo di 2 morti per milione di bambini in Inghilterra.

Dei 25 bambini, 19 presentavano condizioni croniche preesistenti, inclusi alcuni bambini con patologie multiple e condizioni limitanti per la vita.

Lo studio ha concluso che il Covid “è molto raramente fatale”, anche tra i bambini con patologie preesistenti.

Nell’anno in cui è stato studiato, circa 469.982 bambini in Inghilterra hanno avuto il Covid; significa che per un bambino la possibilità di sopravvivere a un’infezione è del 99,995%.

I dati sui casi pediatrici di Covid e sulla mortalità negli Stati Uniti mostrano rischi altrettanto bassi per i bambini, osserva la CNBC.

Vuoi leggere altre notizie sui mercati azionari e le criptovalute? Non perderti la nostra newsletter per imparare a fare trading sulle opzioni.

Foto di Gerd Altman da Pixabay