Bill Ackman esce da Netflix dopo aver perso $400 milioni

Pershing Square Capital Management ha completamente ceduto la propria posizione nelle azioni Netflix 

Bill Ackman esce da Netflix dopo aver perso $400 milioni
3' di lettura

Mercoledì Pershing Square Capital Management di Bill Ackman è uscita dalla sua posizione in Netflix (NASDAQ:NFLX), come dichiarato dal gestore miliardario di hedge fund in una lettera agli azionisti.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

La perdita

Pershing Square aveva costruito la partecipazione in Netflix tre mesi fa, acquistando 3,1 milioni di azioni a un prezzo medio di circa 354 dollari per azione.

Mercoledì le azioni Netflix sono crollate di oltre il 35% a 226,19 dollari, poiché la piattaforma di streaming video on demand ha registrato una perdita di abbonati dopo un decennio e ha fornito una guidance sottotono per il trimestre in corso.

Ciò si è tradotto in una perdita di circa 400 milioni di dollari per la società di Ackman, come pubblicato in una storia precedente.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Considerando il riflesso di questa perdita, i fondi Pershing Square sono in calo di circa il 2% quest’anno.


Ti interessa il mercato azionario e vorresti cominciare a fare trading? La nostra piattaforma preferita è eToro.

Non sai da dove iniziare? Segui i trader professionisti e copia le loro mosse!


Incertezza sul nuovo modello di business

Ackman ha affermato che l’hedge fund ha costruito la partecipazione sulla base di una visione favorevole della “enorme leva operativa inerente al modello di business della società”.

“I cambiamenti nella futura crescita degli abbonati dell’azienda possono avere un impatto enorme sulla nostra stima del valore intrinseco”.

Durante la chiamata degli utili, Netflix ha fatto capire di essere interessata a proporre un piano di abbonamento supportato dalla pubblicità; il CEO Reed Hastings ha ammesso di essere stato storicamente contrario a questa scelta.

Hastings ha citato Walt Disney Company (NYSE:DIS) e Hulu come esempi per evidenziare che il modello con pubblicità funziona. “Sono sicuro che entreremo e lo scopriremo, invece di testarlo e forse farlo o non farlo”, ha detto Hastings.

“Consentire ai consumatori che vorrebbero avere un prezzo più basso e che sono tolleranti alla pubblicità di ottenere ciò che vogliono ha molto senso… Stiamo cercando di capirlo nel prossimo anno o due”, ha detto mercoledì il CEO di Netflix.

Ackman considera “sensato” questo approccio ibrido, ma afferma che è estremamente difficile prevederne l’impatto sulla crescita a lungo termine degli abbonati, sui ricavi futuri, sui margini operativi e sull’intensità di capitale dell’azienda, soprattutto considerando la tempistica.

“Esigiamo un alto grado di prevedibilità dalle attività in cui investiamo a causa della natura altamente concentrata del nostro portafoglio”, ha dichiarato Ackman, il quale ha osservato che il suo hedge fund ha perso fiducia nel prevedere con un considerevole grado di certezza le prospettive dell’azienda.

Possibile inversione di tendenza

L’investitore miliardario ha mostrato fiducia nei dirigenti di Netflix e ha detto di poterlo ancora vedere trasformarsi in un investimento “eccellente”, in grado di ottenere rendimenti significativi.

Movimento dei prezzi

Nella sessione after-hours di mercoledì le azioni Netflix hanno ceduto l’1,4% a 222,98 dollari dopo essere crollate del 35,1% nella sessione regolare. Dati di Benzinga Pro.

Tieniti aggiornato su tutte le ultime notizie e le idee di trading seguendo Benzinga Italia su Twitter.