Qual è l’impatto ambientale delle criptovalute?

Molte persone sono di ottimiste riguardo alle criptovalute come Bitcoin, ma i detrattori indicano un grave difetto: il mining di criptovalute è ad alta intensità energetica. Vediamo assieme fino a che punto questo è vero

Qual è l'impatto ambientale delle criptovalute?
8' di lettura

Sebbene il mining sia solo un metodo disponibile per convalidare le transazioni e coniare nuove criptovalute, è il metodo utilizzato da Bitcoin ed Ethereum, le due principali criptovalute per capitalizzazione di mercato.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Considerazioni preliminari

Bitcoin e altre criptovalute proof-of-work richiedono grandi quantità di energia, più di quella utilizzata da interi paesi, per eseguire i calcoli associati al mining.

Questi requisiti energetici aiutano a proteggere le criptovalute rendendo proibitivamente costoso per chiunque dirottare la rete.

Il più grande paese per il mining sono gli Stati Uniti, che rappresentano il 42,7% delle attività di mining di Bitcoin.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Ogni anno vengono prodotti circa 37 kilotoni di rifiuti elettronici come sottoprodotto dell’estrazione delle monete.

Alcune criptovalute non utilizzano il mining, ma è improbabile che Bitcoin cambi il suo algoritmo di consenso.

Cos’è il mining di Bitcoin

Il Bitcoin mining permette di guadagnare nuovi Bitcoin convalidando transazioni effettuate in questa criptovaluta. Tutti i miner che convalidano un blocco di transazioni ricevono infatti come ricompensa una determinata somma in Bitcoin.

Non esiste un modo diretto per calcolare quanta energia viene utilizzata per l’estrazione, ma la cifra può essere stimata dall’hashrate della rete e dal consumo di piattaforme minerarie disponibili in commercio. Il Cambridge Bitcoin Electricity Consumption Index stima che Bitcoin, la rete di criptovaluta più estratta, abbia utilizzato circa 26,73 terawattora di elettricità all’anno e 167,72 terawattora di elettricità attraverso le risorse energetiche nel punto di produzione, più dei Paesi Bassi, in Argentina, o negli Emirati Arabi Uniti(stime 2020).

Un’altra stima di Digiconomist, un sito di analisi di criptovalute, colloca la cifra a 204,5 terawattora, sulla base del consumo di energia fino al 27 maggio 2022. Ciò calcola circa 2.159 kilowattora di elettricità per transazione, la stessa quantità di energia consumata dal famiglia americana media su 74,01 giorni.

Si stima che Ethereum, la seconda rete di criptovaluta più grande, utilizzi 87,29 Terawattora di elettricità all’anno, in base al consumo di energia fino al 27 maggio 2022, paragonabile al consumo di energia della Finlandia. La transazione media di Ethereum ha richiesto 210,16 kilowattora di elettricità, che è la stessa quantità di energia che una famiglia media degli Stati Uniti consuma in 7,1 giorni.

Gli sviluppatori di Ethereum stanno tentando di passare a un meccanismo di consenso proof-of-stake a bassa energia, ma questo obiettivo rimane remoto.

Esistono più di 15.000 diverse criptovalute e oltre 400 scambi in tutto il mondo.

Nessuno dei rapporti o dei calcoli sull’uso dell’energia della criptovaluta tiene conto dell’energia spesa per sviluppare nuove monete o amministrare servizi per loro.

È probabile che la quantità di energia consumata dal mining di criptovalute aumenti nel tempo, supponendo che i prezzi e l’adozione da parte degli utenti continuino a salire. Il mining di criptovalute è un processo competitivo: all’aumentare del valore della ricompensa del blocco, crescono infatti anche gli incentivi per iniziare il mining. Prezzi più alti delle criptovalute significano più energia consumata dalle reti crittografiche.

Quanto tempo ci vuole per estrarre un Bitcoin?

Il processo di rilevamento dei blocchi, che richiede circa 10 minuti per blocco, comporta anche il conio di un numero fisso di nuovi Bitcoin per blocco. Questo è attualmente fissato a 6,25 BTC per blocco, ma si dimezza approssimativamente ogni quattro anni (210.000 blocchi), riducendo il numero di Bitcoin coniati con ogni blocco appena scoperto.

Il BTC viene fornito come incentivo al minatore (o ai minatori se utilizza un pool di mining) che ha scoperto il blocco.

Sebbene occorrano 10 minuti per ricavare ogni blocco e ogni blocco produca una ricompensa di 6,25 BTC per il minatore che lo ha scoperto con successo, è importante capire che l’intera rete di mining di Bitcoin è essenzialmente in competizione nel processo di rilevamento.

Ciò significa che solo un singolo minatore nell’intera rete di mining scoprirà effettivamente il blocco e poiché ci sono potenzialmente decine di migliaia di minatori Bitcoin in funzione, le probabilità di scoprire un blocco da soli sono piuttosto basse.

Per questo motivo, la stragrande maggioranza dei miner lavora insieme come parte di un pool, combinando il tasso di hash per avere maggiori possibilità di scoprire un blocco. Una volta ricavato il blocco, e indipendentemente da quale minatore nel pool lo scopre effettivamente, le ricompense vengono distribuite in modo uniforme.

Di conseguenza, un miner che contribuisce per l’1% all’hash rate di un pool riceverà anche l’1% dei premi in blocco che accumula.

Perché il mining di criptovalute richiede energia?

L’intensità energetica del mining di criptovalute è una caratteristica, non un bug – un problema. Proprio come l’estrazione di oro fisico, l’estrazione di Bitcoin o un’altra criptovaluta proof-of-work (PoW) è progettata per utilizzare grandi quantità di energia. Il sistema è progettato per rendere proibitivamente costoso (sebbene non impossibile) per un attore ben finanziato assumere il controllo di un’intera rete crittografica.

I sostenitori delle criptovalute ritengono che questa struttura decentralizzata presenti molti vantaggi rispetto ai sistemi valutari centralizzati perché le reti di criptovaluta possono operare senza fare affidamento su alcun intermediario fidato come una banca centrale. Al posto di qualsiasi autorità centralizzata, i miner utilizzano grandi quantità di potenza di calcolo per far funzionare e mantenere la sicurezza di una rete di criptovaluta.

Impatti ambientali del mining di criptovalute

Calcolare l’impronta di carbonio della criptovaluta è più complicato. Sebbene i combustibili fossili siano la fonte di energia predominante nella maggior parte dei paesi in cui viene estratta la criptovaluta, i minatori devono cercare le fonti di energia più economiche per rimanere redditizi. In molti casi, ciò significa affidarsi a nuove installazioni di energia alternativa.

Sulla base della distribuzione geografica dell’hash rate minerario, sulla base dei dati fino al 27 maggio 2022, Digiconomist stima che la rete Bitcoin sia responsabile di circa 114 milioni di tonnellate di anidride carbonica all’anno, pari alle quantità generate dalla Repubblica Ceca.

Sulla base dei dati fino al 27 maggio 2022, l’estrazione di Ethereum produce circa 48,69 milioni di tonnellate di emissioni di anidride carbonica, la stessa quantità della Bulgaria.

Il consumo di energia combinato delle reti Bitcoin (204,50 TWh) ed Ethereum (87,29 TWh), secondo Digiconomist, sulla base dei dati fino al 27 maggio 2022.

Il governo cinese ha vietato tutto il mining di criptovalute nel 2021, costringendo i minatori a trasferirsi in paesi più dipendenti dai combustibili fossili come il Kazakistan e gli Stati Uniti.

I ricercatori dell’Università di Cambridge riferiscono che la maggior parte dell’estrazione di Bitcoin, circa il 38% nel dicembre 2021, è avvenuta negli Stati Uniti, a seguito del divieto di criptovaluta cinese. Secondo i dati del 2019 dell’EIA, gli Stati Uniti ottengono la maggior parte della loro elettricità bruciando combustibili fossili. Il Kazakistan, un altro paese che ottiene la maggior parte della sua energia dai combustibili fossili, rappresenta il 13% del mining mondiale di Bitcoin, a dicembre 2021.

Di conseguenza, due paesi fortemente dipendenti dai combustibili fossili sono responsabili della maggior parte dei l’estrazione mondiale di Bitcoin.

Il mining di criptovalute genera anche una quantità significativa di rifiuti elettronici, poiché l’hardware di mining diventa rapidamente obsoleto. Ciò è particolarmente vero per i miner ASIC (Application-Specific Integrated Circuit), che sono macchine specializzate progettate per il mining delle criptovalute più popolari. Sempre secondo Digiconomist, la rete Bitcoin genera circa 35mila tonnellate di rifiuti elettronici ogni anno, sulla base dei dati fino al 27 maggio 2022.

Poche statistiche sull’impatto ambientale del mining di Bitcoin

  • Bitcoin utilizza più energia rinnovabile rispetto alla maggior parte dei paesi
  • Attualmente si stima che il mining di bitcoin rappresenti circa lo 0,5% del consumo globale di elettricità
  • Ora Bitcoin ha un’impronta di carbonio equivalente alla Grecia
  • Solo sette società minerarie possiedono quasi l’80% di tutta la potenza dei computer sulla rete
  • Il mining di bitcoin attualmente utilizza 66 volte più elettricità rispetto al 2015
  • Nel 2009 il costo dell’estrazione mineraria richiedeva pochi secondi di elettricità domestica, nel 2021 il costo valeva 9 anni di elettricità domestica
  • Una singola transazione Bitcoin comporta la stessa impronta di carbonio di un viaggiatore che vola da New York ad Amsterdam.

Il mining di criptovalute potrebbe consumare meno energia?

I minatori di criptovaluta su larga scala si trovano spesso dove l’energia è abbondante, affidabile ed economica. Ma l’elaborazione delle transazioni di criptovaluta e il conio di nuove monete non devono necessariamente essere ad alta intensità energetica.

Il metodo proof-of-stake (PoS) per convalidare le transazioni di criptovaluta e coniare nuove monete è un’alternativa al mining di criptovalute che non utilizza un’ampia potenza di calcolo. L’autorità per convalidare le transazioni e gestire la rete crittografica è invece concessa in base alla quantità di criptovaluta che un validatore ha “scommesso” o ha accettato di non scambiare o vendere.

Sono in fase di sviluppo anche altri metodi di convalida, come la prova della storia, la prova del tempo trascorso, la prova di ustione e la prova della capacità. Sebbene gli sviluppatori di Ethereum abbiano dichiarato il loro obiettivo di ritirarsi dal proof-of-work, non esiste un tale obiettivo nella comunità Bitcoin. Ciò significa che è probabile che l’estrazione mineraria, insieme ai suoi enormi costi energetici, rimanga qui.

Investire in criptovalute e altre offerte iniziali di monete (“ICO”) è altamente rischioso e speculativo e questo articolo non è una raccomandazione da parte dello scrittore di investire in criptovalute o altri ICO. Poiché la situazione di ogni individuo è unica, è necessario consultare sempre un professionista qualificato prima di prendere qualsiasi decisione finanziaria.

Andrea Tamburelli è specializzato in piattaforme e-commerce e gestionali, smart contract e blockchain. Ha fondato ethermagazine ed è un collaboratore esterno alla redazione di Benzinga Italia.

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azionibreakoutcriptovalute e opzioni.