Il gigante del gas russo stringe un accordo con l’Ungheria

Ecco i dettagli dell'accordo tra Gazprom e il governo ungherese per l'approvvigionamento del gas naturale.

Il gigante del gas russo stringe un accordo con l’Ungheria
3' di lettura

Il colosso energetico russo Gazprom PJSC (OTC:OGZPY) consentirà all’Ungheria di ritardare i pagamenti per il gas naturale, se necessario, mentre l’aumento delle importazioni minaccia di far deragliare il bilancio del paese. 

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

La mossa arriva pochi giorni dopo che la società ha sospeso le consegne di gas naturale in Italia ia causa di una divergenza sulla regolamentazione in Austria.

Cosa è successo

L’Ungheria avrà diritto a un ritardo di tre anni sulle bollette del gas in scadenza nei prossimi sei mesi, ha riferito Bloomberg citando il Ministero dello sviluppo economico.

A 300 euro per megawattora, ciò ammonterebbe a 3,5-4,5 miliardi di euro, afferma il rapporto che cita il ministero. L’accordo è tra Gazprom e la società energetica statale ungherese MVM Zrt.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

I prezzi del gas naturale in Europa sono scesi, con i futures benchmark in calo del 10%, sulla scia dei segnali che il continente sarà in grado di navigare questo inverno con scorte sufficienti, un afflusso di GNL e misure adottate dall’Unione Europea per contenere la crisi.

A causa della guerra in Ucraina e dei problemi di approvvigionamento, quest’anno i prezzi del gas naturale hanno assistito a periodi di volatilità, toccando il picco ad agosto prima che i prezzi scendessero. 

Movimento dei prezzi

Il Fondo per il gas naturale degli Stati Uniti, LP (NYSE:UNG) ha guadagnato oltre il 75% quest’anno mentre il First Trust Natural Gas ETF (NYSE:FCG) ha guadagnato oltre il 35% nel 2022. Le azioni Gazprom hanno chiuso in ribasso dello 0,86%.

Perché è importante

Lo sviluppo arriva come un sollievo tanto necessario per l’Ungheria poiché miliardi di euro di finanziamenti dell’UE sono bloccati per le preoccupazioni sulla corruzione del primo ministro Viktor Orban, stando al rapporto. Le riserve internazionali non sono sufficienti per coprire tre mesi di importazioni e il fiorino ungherese scambia ai minimi storici nonostante il tasso di interesse chiave più alto dell’UE, in parte a causa della dipendenza dell’Ungheria dal gas russo.

Il costo delle importazioni di petrolio e gas è salito a circa 19 miliardi di dollari quest’anno dai 4 miliardi di dollari del 2019, afferma il rapporto citando i dati del governo.

Secondo il ministro delle finanze Mihaly Varga, ulteriori acquisti di gas naturale da Gazprom, oltre al contratto a lungo termine dell’Ungheria, comporteranno un costo aggiuntivo di 740 miliardi di fiorini (1,7 miliardi di dollari) quest’anno e aumenteranno il deficit di bilancio al 6,1% del lordo prodotto interno da un target del 4,9%, afferma il rapporto.

È interessante notare che i funzionari turchi hanno chiesto alla Russia di ritardare una parte dei pagamenti del paese dovuti per il gas naturale, secondo un rapporto di Bloomberg.

VIDEO: Le perdite dell’oleodotto Nord Stream causano 1 km di bolle di gas nel Mar Baltico

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azioni, breakout, criptovalute e opzioni