L’UE stringe il cappio sulla Russia e vieta wallet crypto

Nell'ambito dell'ottavo round di sanzioni contro la Russia, l'Unione Europea (UE) ha imposto un divieto totale su tutti i servizi di criptovaluta alle imprese russe.

L’UE stringe il cappio sulla Russia e vieta wallet crypto
2' di lettura

Nell’ambito dell’ottavo round di sanzioni contro la Russia, l’Unione Europea (UE) ha imposto un divieto totale di tutti i servizi di criptovaluta alle imprese russe.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

«I divieti esistenti sulle criptovalute sono stati rafforzati vietando tutti i portafogli, gli account o i servizi di custodia delle criptovalute, indipendentemente dall’importo del portafoglio», ha dichiarato la Commissione europea in un comunicato stampa diffuso giovedì.

Il limite iniziale, fissato ad aprile, ha consentito a queste aziende di continuare a servire portafogli russi contenenti non più di 10.000 euro.

Sanzioni dell’UE contro la Russia

Le sanzioni più severe hanno lo scopo di penalizzare l’escalation in corso della Russia e la guerra illegale contro l’Ucraina, che includeva il dispiegamento di più soldati e l’uso palese di minacce nucleari.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Oltre ad ampliare l’elenco dei servizi che non possono più essere offerti ai russi o al governo russo, il pacchetto ha anche ampliato l’elenco di servizi che includevano consulenza IT, consulenza legale e servizi di architettura e ingegneria.

La Russia è «fortemente dipendente» dall’importazione di questi servizi, secondo la commissione.

Il giorno dopo che l’UE aveva completato diversi dei suoi importanti regolamenti sulla regolamentazione delle criptovalute, è stata imposta la nuova restrizione.

Una delle regole prevedeva che i fornitori di servizi di portafoglio dovessero confermare l’identità dell’utente.

Russia, sanzioni e criptovalute

Dopo l’imposizione delle sanzioni a febbraio, i responsabili politici americani ed europei hanno concentrato la loro attenzione sulle criptovalute temendo che il settore in via di sviluppo potesse consentire alla Russia di eludere le restrizioni commerciali.

Criptovalute peer-to-peer e senza autorizzazione come Bitcoin (CRYPTO:BTC) rendono molto più difficile per i governi occidentali ostacolare il commercio reso possibile attraverso la rete.

Ciò ha permesso ai gruppi criminali internazionali di utilizzare la tecnologia per finanziare armi nucleari e truffe ransomware.

Ci sono alcune restrizioni, però. La maggior parte delle criptovalute utilizza registri pubblici altamente visibili, che offrono ai propri utenti una privacy minima delle transazioni.

Di conseguenza, è difficile trasferire ingenti somme di denaro sulla rete senza l’aiuto di professionisti in grado di trovare e identificare l’autore del reato.

Tuttavia, nonostante queste garanzie, la senatrice Elizabeth Warren ha proposto una legge a marzo che penalizzerebbe gli sviluppatori di software e i validatori di nodi che hanno assistito nelle transazioni per le aziende russe inserite nella lista nera.

All’epoca, la legislazione era stata ritenuta «non necessaria» e «incostituzionale» dal serbatoio di ricerca sulle criptovalute Coin Center.

Foto Burdun Iliya tramite Shutterstock

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azioni, breakout, criptovalute e opzioni