Meta svela le sfide del futuro dei visori VR/MR

Scopri le sfide e le prospettive future dei visori VR/MR secondo il direttore tecnico di Meta, Andrew Bosworth, in un'intervista esclusiva.

Meta svela le sfide del futuro dei visori VR/MR
3' di lettura

In un’intervista con l’esperto di metaverso Matthew Ball, il direttore tecnico di Meta Platforms, Inc. (NASDAQ:META), Andrew Bosworth, ha espresso le sue opinioni sul futuro dei visori di realtà virtuale e mista (VR/MR) e le sfide che li attendono.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Gli ostacoli per la crescita dei visori VR/MR

L’intervista approfondita è stata pubblicata martedì e si è concentrata sulla strategia di Meta per il metaverso, sulla possibilità che le vendite di visori VR/MR superino i 100 milioni all’anno e sulle specifiche ideali dei visori secondo Bosworth, tra gli altri argomenti.

Durante la conversazione, Bosworth ha identificato i tre ostacoli principali per raggiungere i 100 milioni di unità all’anno vendute per i visori VR/MR. Il primo è il contenuto, ovvero le “cose da fare” con i dispositivi. Ha sottolineato che i dispositivi sono inutili senza un ecosistema e delle attività, il che è stato un problema in passato.

Il secondo ostacolo, secondo Bosworth, è il prezzo. Ha sottolineato che il valore del dispositivo è direttamente correlato al suo costo. Più basso è il prezzo, meno valore deve essere aggiunto, ma anche meno valore gli attribuiranno le persone.

La barriera finale è l’accessibilità, che Bosworth ha definito come tutto, dal comfort e il peso fino alla cinetosi e all’adattamento per le diverse larghezze degli occhi. Ha anche menzionato l’effetto del dispositivo sui capelli o sul trucco, lo stile, la frequenza di ricarica e la metodologia di input come fattori che ne limitano l’uso.

Il direttore tecnico di Meta ha concluso affermando che, sebbene si stiano facendo progressi su tutti i fronti, questi richiedono un investimento e un’innovazione significativi. Ha espresso fiducia nel futuro di questa tecnologia, ma ha riconosciuto che c’è ancora molto lavoro da fare.

“Le nuove tecnologie non arrivano nel mondo pronte per l’uso. Le catene di approvvigionamento devono essere costruite, la produzione deve essere realizzata, la tecnologia stessa deve essere sviluppata e, naturalmente, ciò significa che devi pagare per i dieci percorsi sbagliati che hai preso prima di arrivare all’undicesimo che funziona”, ha detto.

Leggi anche: Bill Gross avverte: Tesla si muove come un meme stock

Le difficoltà del mercato VR/MR

I commenti di Bosworth arrivano in un momento in cui il mercato dei visori VR/MR sta registrando reazioni contrastanti. A febbraio Apple ha rilasciato il suo visore Vision Pro, che ha ricevuto recensioni contrastanti a causa di problemi di design e prestazioni. Alcuni utenti hanno trovato il dispositivo ingombrante e scomodo per un uso prolungato.

In precedenza, un importante analista ha osservato che gli investitori di Apple sono più interessati alle iniziative di IA dell’azienda che al suo visore AR/VR. Allo stesso tempo, Matt Booty, capo di Xbox Game Studios, ha espresso scetticismo sulla fattibilità del mercato VR/AR, scegliendo di non avventurarsi in questo settore.

Immagine cortesia di Shutterstock

Leggi anche: Trader in attesa dei dati sull’inflazione: scenari per l’S&P 500


Per ulteriori aggiornamenti su questo argomento, aggiungi Benzinga Italia ai tuoi preferiti oppure seguici sui nostri canali social: X e Facebook.


Ricevi informazioni esclusive sui movimenti di mercato 30 minuti prima degli altri trader

La prova gratuita di 14 giorni di Benzinga Pro ti permette di accedere ad informazioni esclusive con cui ricevere segnali di trading efficaci prima di milioni di altri trader. CLICCA QUI per iniziare la prova gratuita.