Valute sottovalutate al tempo del COVID-19

La Skandinaviska Enskilda Banken (SEB) analizza le principali valute che hanno subito un processo di svalutazione nel periodo della pandemia di Coronavirus 

Valute sottovalutate al tempo del COVID-19
3' di lettura

La pandemia di COVID-19 ha influito sulle prestazioni del mercato valutario, con molte valute minori che hanno sovraperformato quelle più liquide.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Prima dello scoppio della pandemia, erano stati eventi come la Brexit e la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina a determinare la performance del forex.

“Prima dell’epidemia di COVID-19, i fattori tradizionalmente determinanti nel movimento delle valute stavano funzionando male. In tempi di maggiore ottimismo sull’economia globale, sono le valute più piccole a sovraperformare le valute più liquide con qualità difensive, e viceversa quando è il pessimismo a dominare”, afferma in una nota Richard Falkenhäll, analista strategico senior per il mercato valutario presso SEB.

Le variazioni giornaliere o settimanali fra i vari tassi di cambio sono apparentemente in calo a causa della politica monetaria sincronizzata, delle normative sui mercati finanziari e delle differenze minime tra i Paesi, afferma l’analista.

Prospettive del forex nel 2020: Falkenhäll prevede che i tassi di cambio nei prossimi 6-12 mesi dipenderanno principalmente dalle prospettive di crescita globale e dai cambiamenti nella propensione al rischio.

Le valute più piccole e sottovalutate avranno la possibilità di sovraperformare le valute principali, con il dollaro USA che sarà probabilmente tra le più deboli, dice l’analista.

Lo yen giapponese è sottovalutato rispetto al dollaro USA, e sarebbe plausibile vederlo rafforzarsi adesso, afferma Falkenhäll.

Di seguito sono riportate le proiezioni per i prossimi mesi nel mercato valutario, effettuate dagli analisti della banca scandinava.

EUR/GBP: i rischi al rialzo restano sul tavolo senza un accordo sulla Brexit, secondo la SEB.

“Il tempo sta per scadere, e i negoziati su un nuovo accordo commerciale con l’UE non sono andati avanti dallo scoppio del Coronavirus nel febbraio 2020. Non ci sono segnali secondo i quali il Regno Unito possa optare per un’estensione del periodo di sospensione per ottenere più tempo, e questo nel breve termine peserà sulla sterlina”.

La Banca d’Inghilterra sta esplorando la possibilità di virare verso tassi negativi, afferma Falkenhäll, aggiungendo che la sterlina è già sottovalutata e che dovrebbe riprendersi man mano che i rischi si diradano.

EUR/USD: in questo caso la SEB vede un aumento dei rischi al rialzo.

“Dopo che la Fed ha tagliato i tassi all’inizio di quest’anno, il carry valutario non è più un vantaggio. La perpetua situazione di ampio deficit gemello da parte degli Stati Uniti potrebbe indurre gli investitori in euro ad aumentare nuovamente le proprie partecipazioni in Titoli di Stato USA, esercitando una leggera pressione al rialzo sul dollaro. Tuttavia, il miglioramento della propensione al rischio e l’espansione fiscale dalla Germania, nonché il bilancio a lungo termine dell’Unione Europea, insieme al pacchetto di recupero della stessa UE, dovrebbero attirare capitali dagli strumenti finanziari in dollari considerati sicuri verso l’Europa, e spingere verso l’alto per quest’anno il cambio EUR/USD.

USD/JPY: lo yen è sottovalutato, ma alla fine scenderà lo stesso, secondo SEB.

“Lo yen è sottovalutato rispetto al dollaro, e sarebbe ragionevole vederlo rafforzarsi ora. Tuttavia, il suo status di valuta difensiva causerà deflussi di capitale se la situazione globale dovesse continuare a migliorare. Prevediamo che seguirà il destino del dollaro, con un calo nel corso dei prossimi 6-12 mesi.”