AstraZeneca pubblica dati positivi per vaccino anti-covid

La collaborazione fra la biotech e l’Università di Oxford segue una serie di annunci positivi sul fronte del vaccino anti-Covid già espressi da altre aziende

AstraZeneca pubblica dati positivi di efficacia e sicurezza
3' di lettura

Lunedì l’Università di Oxford e AstraZeneca plc (NYSE:AZN) hanno pubblicato la lettura provvisoria dello studio di Fase 1/2 del loro candidato vaccino contro il coronavirus, il farmaco AZD1222, precedentemente noto come ChAdOx1 nCoV-19.

I dati sul vaccino AZD1222 – un vaccino per scimpanzé con vettore adenovirus che agisce sulla proteina a punta del SARS-CoV-2 – ha mostrato un profilo di sicurezza accettabile e un omologo aumento delle risposte, secondo quanto riferito dai ricercatori di Oxford in un articolo pubblicato su The Lancet.

Lo studio di Fase 1/2 condotto in cinque siti di sperimentazione nel Regno Unito ha confrontato ChAdOx1 nCoV-19 con un vaccino meningococcico coniugato, che ha funto da meccanismo di controllo. Agli adulti sani di età compresa tra 18 e 55 anni è stata assegnata in modo casuale la ricezione di uno dei due in rapporto 1 a 1 alla dose di 5×10¹⁰ particelle virali del vaccino di controllo, o del vaccino coniugato meningococcico, come singola iniezione intramuscolare.

Di questi, 10 sono stati arruolati nel gruppo non-randomizzato AZD1222 prime-boost, e dopo la prima dose ne hanno ricevuta una di richiamo dopo 28 giorni.

Nel gruppo AZD1222, le risposte dei linfociti T specifiche della proteina a punta hanno raggiunto il picco il 14° giorno e le risposte delle immunoglobuline G sono cresciute al giorno 28, secondo quanto riportato dai ricercatori.

Le risposte sono state potenziate dopo una seconda dose.

Lo studio ha anche trovato risposte anticorpali neutralizzanti contro il SARS-CoV-2 in 32 pazienti su 35, ovvero sul 91% dei partecipanti dopo una singola dose quando misurate nel test80 di microneutralizzazione, e in tutti i 35 partecipanti quando misurate nel test di neutralizzazione50 della riduzione della placca.

Dopo una dose di richiamo, in tutti e nove i partecipanti si è riscontrata un’attività neutralizzante.

“I livelli di anticorpi neutralizzanti osservati nei partecipanti che ricevevano una o due dosi erano in un intervallo simile a quelli osservati nei pazienti convalescenti con COVID-19. Sono state osservate forti correlazioni tra i saggi di neutralizzazione”, ha dichiarato AstraZeneca in un comunicato.

AZD1222 ha prodotto nel punto di iniezione dolore e sensibilità temporanei, mal di testa da lieve a moderato, affaticamento, brividi, febbre, malessere e dolori muscolari, secondo quanto riporta la compagnia farmaceutica. Non sono stati segnalati eventi avversi gravi.

“Sebbene ci sia ancora molto lavoro da fare, i dati di oggi aumentano la nostra fiducia sul fatto che il vaccino funzionerà e che ci consente di proseguire i nostri piani per produrre il vaccino su larga scala per un accesso ampio ed equo in tutto il mondo”, ha affermato Mene Pangalos, vicepresidente esecutivo di ricerca e sviluppo di biofarmaci presso AstraZeneca.

Cosa potrebbe succedereI risultati della Fase 1/2, insieme all’indicazione delle risposte immunitarie sia umorali che cellulari, supportano la valutazione su larga scala del candidato vaccino in un programma continuo di Fase 3, hanno detto i ricercatori.

Prove di fase avanzata sono in corso nel Regno Unito, in Brasile e in Sudafrica, e presto dovrebbero iniziare negli Stati Uniti.

AstraZeneca ha dichiarato di essersi impegnata finora a fornire oltre 2 miliardi di dosi di vaccino nel Regno Unito, negli Stati Uniti, alle Europe’s Inclusive Vaccines Alliance, alla Coalition for Epidemic Preparedness, alla Gavi the Vaccine Alliance e al Serum Institute of India.

Movimento dei prezzi di AZN All’ultimo controllo, le azioni AstraZeneca erano in leggera discesa, a 61,08 dollari.

Link correlati:

Uno sguardo sul Biotech: Jazz Pharmaceuticals, ACell e altri