Il CEO di Goldman Sachs sullo smart working: “È un’aberrazione”

1' di lettura

David Solomon esorta il governo federale a incentivare il rientro dei dipendenti in ufficio. “Non voglio altri assunti a GS che lavorino in remoto”

“Un’aberrazione”. È tranchant il CEO di Goldman Sachs, David Solomon, nel definire un trend che l’era Covid ha contribuito a far esplodere, lo smart working.

NON PUO’ ESSERE LA NUOVA NORMALITA’

“Per noi non è l’ideale e nemmeno la nuova normalità”, ha tuonato l’investitore americano durante una conferenza organizzata dal Credit Suisse Group. Lo riporta Bloomberg, secondo cui Solomon avrebbe esplicitamente esortato i dipendenti a tornare a lavorare in presenza. “Dobbiamo correggere questo andazzo il prima possibile”, è il suo secco imperativo. A cui fa seguito la richiesta, rivolta al governo federale, di agevolare i rientri in ufficio, traendo sostegno dal settore privato. “Sono risoluto sul fatto di non volere altri giovani a Goldman Sachs che inizino a lavorare da remoto in estate”…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.