Tesla, la beta di FSD V9.0 in arrivo entro due settimane

Secondo l’amministratore delegato Elon Musk, la nuova versione del sistema per la guida autonoma “vi lascerà a bocca aperta"

Tesla, la beta di FSD V9.0 in arrivo entro due settimane
2' di lettura

Elon Musk, amministratore delegato di Tesla Inc (NASDAQ:TSLA), giovedì ha dichiarato che la prossima versione beta del software Full Self-Driving (FSD) dell’azienda “vi lascerà a bocca aperta”.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo: Musk ha annunciato via Twitter i miglioramenti in arrivo per il software FSD, affermando che, sebbene questa versione limitata stia raggiungendo e dimostrando una maggiore sicurezza con un metodo “pure vision” rispetto a una combinazione di visione e radar, “ci siamo quasi”.

“La beta dell’FSD V9.0 vi lascerà a bocca aperta”, ha detto Musk.

La versione beta limitata del software arriverà tra due settimane, secondo il CEO di Tesla.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Musk, inoltre, ha rivelato che probabilmente il software FSD sarà disponibile in Canada tra “pochi mesi”; attraverso un altro tweet, Musk ha osservato che sussistono “molte differenze sottili tra la guida negli Stati Uniti e quella in Canada”.

Perché è importante: Musk ha spesso pubblicizzato i miglioramenti di FSD su Twitter. Questo mese, in occasione dell’AI Day di Tesla, Musk ha fatto sapere che presto saranno disponibili un “Pulsante Beta” e gli abbonamenti per FSD; il pulsante verrà reso disponibile a maggio, mentre gli abbonamenti verranno implementati a giugno.

In quell’occasione, l’imprenditore miliardario aveva affermato che Tesla sta “facendo ottimi progressi nel risolvere i problemi reali [di Intelligenza Artificiale]”.

Il pulsante consentirà a qualsiasi utente di un veicolo Tesla di scaricare il software FSD e di diventare un tester.

Leggi anche: Tesla revoca beta FSD ai conducenti non attenti

Musk tifa per un approccio esclusivamente visivo alla guida autonoma: nel mese di gennaio ha dichiarato che, anche qualora il costo dei sensori lidar – impiegati come approccio alternativo dalle aziende rivali – scendesse a zero, Tesla non li utilizzerebbe.

Movimento dei prezzi: le azioni di Tesla hanno chiuso la sessione regolare di mercoledì in ribasso di quasi l’1,5% a 694,40 dollari.

Leggi il prossimo: I piani di Lucid per il futuro sono diversi da quelli di Tesla