I mercati sviluppati guidano la ripresa

1' di lettura

Il team Global Balanced Risk Control di Morgan Stanley IM prospetta un outlook di crescita favorevole, ma Il braccio di ferro tra emissioni record di azioni e flussi verso l’azionario evidenzia che non mancano i motivi per mantenere un atteggiamento cauto

I mercati sviluppati stanno guidando la ripresa globale grazie alla rapidità nelle campagne vaccinali e al supporto delle politiche. I rendimenti dei Treasury decennali USA sembrano essersi stabilizzati. Tuttavia, rimane la preoccupazione per un aumento dei tassi obbligazionari, mentre un potenziale riorientamento delle banche centrali potrebbe avere un impatto negativo sulle valutazioni azionarie. Alla luce di questo rischio, il team Global Balanced Risk Control (GBaR) di Morgan Stanley Investment Management ha ridotto l’esposizione azionaria, diminuendo in particolare il bias sui titoli growth, nell’attesa che gli investitori preferiranno invece le azioni meglio posizionate per la ripresa ciclica. L’imminente crescita della pressione fiscale e il divario esistente a livello di valutazioni potrebbero comunque supportare un proseguimento della rotazione verso i titoli value.

PRESO PROFITTO SULLE SMALL CAP USA

Entrando nel dettaglio delle posizioni tattiche, il team GBaR di Morgan Stanley IM spiega di aver preso profitto dalla posizione sulle small cap statunitensi, passando da sovrappeso a neutrale, in quanto il gap valutativo con le large cap si è ridotto e la rotazione dei prezzi si è già ampiamente manifestata rispetto ai cicli passati. Inoltre, le revisioni degli utili appaiono in ritardo rispetto alle large cap e i risultati negativi si attestano su livelli elevati, mentre l’indebitamento è aumentato rispetto alle large cap, e se i tassi di interesse dovessero salire, l’impatto sui margini delle small cap sarebbe superiore…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.

Nessun Articolo da visualizzare