Pre-market: futures USA in calo dopo sell-off settimana scorsa

Un’occhiata ai mercati; prezzi del greggio in leggero ribasso, Asia chiude per lo più in territorio positivo, Europa apre in sostanziale rosso

Sedute USA
Sedute USA
3' di lettura

Movimenti in pre-apertura

Nei primi scambi in pre-market i futures azionari statunitensi erano in rosso dopo che Wall Street ha registrato la peggiore settimana dal 26 febbraio; venerdì, comunque, l’indice Dow Jones ha guadagnato 360 punti e il Nasdaq è salito di 300 punti.

Il dato di maggio dell’Empire State Manufacturing Index verrà comunicato alle ore 8:30 ET, mentre l’indice del mercato immobiliare degli Stati Uniti per il mese di aprile sarà pubblicato alle 10:00 ET. Il presidente della Federal Reserve di Atlanta, Raphael Bostic, interverrà alle 10:00 ET, mentre il vicepresidente della Federal Reserve, Richard Clarida, prenderà la parola alle 10:05 ET; il presidente della Federal Reserve di Atlanta, Raphael Bostic, interverrà alle 12:30 ET, mentre il presidente della Federal Reserve di Dallas, Robert Kaplan, parlerà alle 18:00 ET.

I futures sull’indice Dow Jones perdevano 91 punti, attestandosi a 34.227, quelli sull’S&P 500 arretravano di 10 punti a quota 4.159 e i futures sul Nasdaq 100 cedevano 43,25 punti, a 13.343,75.

Ad oggi negli Stati Uniti è stato registrato il numero più elevato di casi e di decessi per coronavirus al mondo, con un totale di oltre 32.940.920 contagi e circa 585.970 vittime; intanto l’India ha registrato un totale di almeno 24.965.460 casi di COVID-19, mentre il Brasile ha confermato oltre 15.627.240 casi.

I prezzi del petrolio hanno avuto un leggero calo, coi futures sul Brent in rosso dello 0,1% a 68,70 dollari al barile; anche i futures sul WTI hanno registrato un ribasso dello 0,1% a 65,35 dollari al barile. Questa settimana il numero totale di piattaforme petrolifere attive negli Stati Uniti è aumentato di 8 unità a 352 piattaforme, secondo quanto riferito da Baker Hughes Inc.

Uno sguardo ai mercati globali

Oggi i listini europei erano in larga parte con segno meno: l’indice spagnolo Ibex guadagnava lo 0,1%, lo STOXX Europe 600 cedeva lo 0,1%, così come l’indice francese CAC 40; il FTSE 100 di Londra era in calo dello 0,3% e l’indice tedesco DAX 30 faceva segnare +0,1%. A marzo il deficit commerciale della Spagna si è ridotto a 411,9 milioni di euro, rispetto ai 2 miliardi registrati nello stesso periodo dell’anno scorso. Ad aprile il tasso di inflazione annuo in Italia è salito dallo 0,8% all’1,1%.

I mercati asiatici hanno chiuso la sessione per lo più in verde: l’indice giapponese Nikkei ha perso lo 0,92%, il cinese Shanghai Composite ha fatto segnare +0,78%, l’Hang Seng di Hong Kong ha avuto un rialzo dello 0,59%, l’indice australiano S&P/ASX 200 ha guadagnato lo 0,1% e l’indiano BSE Sensex è balzato dell’1,7%. Ad aprile i prezzi all’ingrosso in India sono cresciuti del 10,49% su base annua. Nello stesso mese, i prezzi alla produzione in Giappone sono aumentati del 3,6% su base annua. Sempre ad aprile, le vendite al dettaglio in Cina sono balzate del 17,7% su base annua, la produzione industriale del Paese è aumentata del 9,8% su base annua e i prezzi medi delle nuove abitazioni nella nazione sono saliti del 4,8%, sempre su base annua.

Raccomandazioni degli analisti

Gli analisti di Keybanc hanno avviato la copertura sul titolo DoubleVerify Holdings, Inc. (NYSE:DV) con una valutazione Sector Weight.

Venerdì le azioni di DoubleVerify sono salite del 3,9% chiudendo a 30,86 dollari.

Ultime notizie

  • Bloomberg riferisce che KKR & Co Inc (NYSE:KKR) è in trattative per acquistare ERM Group Inc., società di consulenza sulla sostenibilità con sede nel Regno Unito.
  • AT&T Inc. (NYSE:T) è in trattative per fondere i suoi asset multimediali con Discovery Communications Inc (NASDAQ:DISCA), ha riferito Bloomberg.
  • The Coca-Cola Company (NYSE:KO) sta eliminando il marchio Coke Energy dalla sua linea di prodotti per il Nord America.
  • Ryanair Holdings plc (NASDAQ:RYAAY) ha registrato la maggior perdita annuale della sua storia a causa della pandemia di COVID-19 che ha inciso sui viaggi internazionali.

Nessun Articolo da visualizzare