Bezos impegna $1 miliardo a favore della conservazione

L’iniziativa rientra nell’ambito dell’impegno precedentemente annunciato da 10 miliardi di dollari a favore della lotta ai cambiamenti climatici

Bezos impegna  miliardo a favore della conservazione
1' di lettura

Jeff Bezos, fondatore di Amazon.com Inc (NASDAQ:AMZN), lunedì si è impegnato a donare 1 miliardo di dollari a favore della conservazione nell’ambito di un impegno da 10 miliardi di dollari per combattere i cambiamenti climatici, proteggere e risanare la natura.

Cosa è successo

La nuova sovvenzione fa parte del Bezos Earth Fund e andrebbe a sostenere le iniziative di spesa in luoghi come il bacino del Congo, le Ande e le parti tropicali dell’Oceano Pacifico.

Il Bezos Earth Fund, creato nel 2020, ha dichiarato che utilizzerà il recente round di finanziamenti per raggiungere l’obiettivo di proteggere il 30% della terra e del mare entro il 2030, al fine di prevenire le estinzioni di massa e aumentare la resilienza ai cambiamenti climatici.

Leggi anche: Amazon, vis-à-vis tra Bezos e Boris Johnson

Perché è importante

Il fondo per la Terra rappresenta il maggior investimento filantropico di Bezos; all’inizio di questo mese il fondo ha impegnato 203,7 milioni di dollari entro la fine dell’anno per le organizzazioni che promuovono la giustizia climatica, tra le altre cause. L’anno scorso il fondo ha assegnato 791 milioni di dollari in sovvenzioni a 16 organizzazioni, tra cui il World Wildlife Fund, il Natural Resources Defense Council e la Nature Conservancy.

Il recente piano di donazioni è guidato da Gran Bretagna, Costa Rica e Francia e l’annuncio arriva dopo che lunedì Bezos ha incontrato il primo ministro britannico Boris Johnson durante la sua visita negli Stati Uniti.

Aziende come Amazon e altre sono sotto pressione per aumentare la velocità di consegna delle merci ai clienti finali, ma non senza tenere conto delle conseguenze ambientali.

Movimento dei prezzi

Lunedì le azioni Amazon hanno chiuso in ribasso del 3,08% a 3.355,73 dollari.

Foto per gentile concessione di Daniel Oberhaus tramite Wikimedia