Perché il mercato azionario statunitense era in discesa ieri?

In base ai dettagli della riunione del FOMC, Jerome Powell e i funzionari della Federal Reserve stimano un elevato livello di inflazione fino a dopo il 2022

Perché il mercato azionario statunitnse era in discesa ieri?
1' di lettura

Mercoledì i funzionari hanno rilasciato i dettagli della riunione del Federal Open Market Committee di dicembre: secondo il verbale, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell e altri funzionari prevedono che i veicoli alimenteranno un’elevata inflazione che potrebbe durare oltre il 2022.

Ciò significa che la Fed potrebbe aumentare i tassi di interesse prima di quanto inizialmente pensato. I responsabili decisionali si trovano in una situazione difficile: quanto velocemente possono aumentare i tassi per frenare l’inflazione, senza causare il caos nell’economia?



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Il verbale è uscito alle 14:00 ET. In seguito alla pubblicazione dei dettagli, tutti i principali indici azionari sono scesi; in particolare, il Nasdaq Composite ha perso quasi il 2% nelle ultime due ore di contrattazioni.

Leggi anche: L’aumento dei tassi FED è più vicino di quanto si pensi

Movimento dei prezzi

I titoli tecnologici e quelli di crescita (growth) tendono a essere colpiti più duramente in ambienti ad alto tasso di interesse: l’Invesco QQQ Trust Series 1 (NASDAQ:QQQ), che replica la performance dell’indice NASDAQ 100, ha chiuso in ribasso del 3,07%.

L’SPDR S&P 500 ETF Trust (NYSE:SPY) ha chiuso in calo dell’1,92% e l’SPDR Dow Jones Industrial Average ETF Trust (NYSE:DIA) ha chiuso con un -1,03%, mostrando che c’è stata maggiore debolezza nel tech (QQQ) rispetto ad altri settori del mercato.

Se i timori sui tassi di interesse continueranno a spaventare gli investitori, i titoli growth e tech potrebbero continuare a registrare un ampio sell-off; al contrario, se i timori sui tassi di interesse si attenueranno, i titoli di crescita tenderanno a riprendersi più rapidamente di altri titoli.