Morgan Stanley IM: molte opportunità d’investimento nella seconda metà 2024

1' di lettura

Dal reddito fisso, con particolare attenzione al debito emergente, all’azionario, al credito, fino agli asset alternativi, non mancano occasioni in un panorama dominato da tassi, inflazione e elezioni Usa

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

La seconda metà del 2024 sarà impattata da una serie di fattori, tra cui spiccano inflazione, tassi di interesse e elezioni USA, ma guardando al panorama dell’universo investibile non mancano le opportunità interessanti, dal reddito fisso, all’azionario, al credito, fino agli asset alternativi. Morgan Stanley Investment Management passa in rassegna i temi chiave di cui l’investitore dovrà tenere conto di qui a fine anno a cominciare dalla prevalenza delle politiche di bilancio rispetto alle politiche monetarie, i cui sviluppi non possono essere prezzati dal mercato, come attesta il fatto che non esistono futures sulle politiche fiscali.

I DEFICIT USA NON MINACCIANO LA STABILITÀ DEL DOLLARO

Secondo Morgan Stanley questo è un fattore che impatterà i mercati fino alle presidenziali USA e anche oltre nel 2025. La generosità della spesa pubblica non si è ancora disancorata dalle aspettative di inflazione ma resta da vedere se lo sarà ancora nei prossimi 6-18 mesi. La spesa pubblica USA e i deficit gemelli dei conti federali e di quelli con l’estero hanno alimentato timori sulla valutazione del dollaro e sulla stabilità del suo ruolo di riserva globale. La ricercara di MSIM sugli iltimi 50 anni mostra che questi fattori non determinano una svalutazione del biglietto verde, perché è sostenuto da fattori che vanno oltre le politiche e i deficit di bilancio…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.