La Fed taglia i tassi a zero per la prima volta dal crollo del 2008

La banca centrale USA azzera i tassi per la prima volta in oltre 10 anni e aumenta gli acquisti di titoli pubblici, ma i critici ribattono: c'e' bisogno di liquidita'

Fed Tassi QE
3' di lettura

In una misura di emergenza di domenica pomeriggio, la Federal Reserve ha annunciato di aver ridotto i tassi di interesse ad un range compreso tra 0% e 0,25%: si tratta della prima volta in cui i tassi sono così bassi dai tempi della crisi finanziaria del 2008-2009.

“L’epidemia di coronavirus ha danneggiato le comunità e interrotto l’attività economica in molti paesi, compresi gli Stati Uniti. Anche le condizioni finanziarie globali sono state duramente colpite. I dati economici disponibili mostrano che l’economia statunitense è entrata in questo periodo difficile con basi solide”, ha dichiarato la Fed, anticipando la decisione sulla politica monetaria, originariamente fissata per il 17 e 18 marzo.

“Sebbene la spesa delle famiglie sia cresciuta a un ritmo moderato, gli investimenti fissi delle imprese e le esportazioni sono rimasti deboli. Più recentemente, il settore energetico è stato messo sotto pressione.”

“Su una base di 12 mesi, l’inflazione complessiva e l’inflazione per i beni diversi dai beni alimentari ed energetici si attestano al di sotto del 2%. Le misure di compensazione dell’inflazione basate sul mercato sono diminuite; le misure di previsione dell’inflazione a lungo termine basate sulle indagini sono quasi invariate”.

La Fed ha aggiunto che, dall’ultima riunione del Federal Open Market Committee, o FOMC (Comitato Federale per il Mercato Aperto) a gennaio, i nuovi dati per febbraio indicano che il mercato del lavoro è rimasto robusto e che l’attività economica è cresciuta a un ritmo moderato.

Giovedì, la banca centrale statunitense ha annunciato un nuovo programma per fornire fino a 1,5 trilioni di dollari in prestiti a breve termine al fine di sostenere la liquidità del mercato finanziario.

In un’ulteriore misura di supporto, domenica la Fed ha riferito che “per sostenere il buon funzionamento dei mercati dei titoli del Tesoro e dei titoli garantiti da ipoteca delle agenzie, che sono centrali per il flusso di credito alle famiglie e alle imprese, nei prossimi mesi il Comitato aumenterà le sue posizioni sui di titoli del Tesoro di almeno 500 miliardi di dollari e le sue posizioni sui titoli garantiti da ipoteca delle agenzie di almeno 200 miliardi di dollari”.

È abbastanza?

All’inizio di questa settimana, in un editoriale per il Wall Street Journal il capo economista di Invesco John Greenwood e il professore di economia applicata della Johns Hopkins University Steve Hanke hanno scritto che l’economia degli Stati Uniti era perfettamente sana prima dell’epidemia.

Per questo motivo, hanno argomentato i due commentatori, ha bisogno di liquidità molto più di quanto abbia bisogno di stimoli attraverso tagli dei tassi.

“La Fed ha bisogno di fornire liquidità per far fronte al panico, sia attraverso l’acquisto QE di titoli, sia con acquisti di buoni del Tesoro, con repurchase agreement (ovvero, accordi di riacquisto)”, hanno scritto Hanke e Greenwood.

“Oppure, cosa più importante, con l’aumento degli importi degli swap in dollari a disposizione delle banche centrali di Giappone, Cina, Corea del Sud, Taiwan e Hong Kong”.