Produttore chip USA costruirà impianto da $4mld a Singapore

GlobalFoundries realizzerà un impianto di produzione da 4 miliardi di dollari per rispondere alla crisi globale dei semiconduttori

Produttore chip USA costruirà impianto da mld a Singapore
3' di lettura

GlobalFoundries Inc., società controllata da Mubadala Investment Co – il fondo sovrano di Abu Dhabi – costruirà un impianto di produzione di chip da 4 miliardi di dollari a Singapore, il cui avvio è previsto per il 2023, per rispondere alla crisi globale dei semiconduttori, come riporta Bloomberg.

Cosa è successo 

La società si è così unita a nomi del calibro di Taiwan Semiconductor Manufacturing Co Ltd (NYSE:TSM) e Samsung Electronics Co Ltd (OTC:SSNLF), che hanno ampliato le proprie capacità per affrontare la crisi dei chip che ha colpito tutti i comparti, dalle auto agli smartphone.

GlobalFoundries si sta preparando a un’offerta pubblica iniziale negli Stati Uniti che potrebbe valutare il produttore di chip 30 miliardi di dollari.

La società, inoltre, dedicherà 1 miliardo di dollari ciascuno alla costruzione dei suoi siti di Dresda (Germania) e negli Stati Uniti; GlobalFoundries finanzierà la maggior parte di quell’espansione globale da 6 miliardi di dollari con contributi provenienti da pagamenti anticipati per la sua capacità e per le partnership con il governo.

Il CEO Tom Caulfield ha riconosciuto il rischio economico globale che deriva dalla concentrazione del 70% di tutta la produzione da fonderie  che ha luogo a Taiwan (a un paio di centinaia di miglia dalla Cina), in un’unica società.

GlobalFoundries mira ad espandere la propria presenza globale per la flessibilità e sicurezza della supply chain.

Perché è importante 

Il governo Biden ha proposto di spendere 52 miliardi di dollari per finanziare la produzione e la ricerca di chip a livello nazionale allo scopo di contrastare il crescente dominio dei Paesi asiatici nell’industria dei semiconduttori; Pechino ha nominato una figura importante vicina a Xi Jinping per supervisionare la creazione dell’industria cinese dei semiconduttori.

GlobalFoundries è un importante investitore a Singapore insieme a Micron Technology Inc (NASDAQ:MU) e Infineon Technologies AG (OTC:IFNNF) (OTC:IFNNY).

In precedenza, la società si era impegnata ad ampliare la produzione a Singapore, in Europa e negli Stati Uniti; in genere gli impianti di produzione dei chip iniziano a produrre i semiconduttori da 18 mesi a due anni dopo la posa della prima pietra.  

La struttura di GlobalFoundries a Singapore, che in seguito al completamento sarà indietro di alcune generazioni rispetto alle tecnologie più all’avanguardia, dovrebbe soddisfare principalmente la domanda di smartphone e auto.

Mubadala aveva acquisito gli impianti di produzione di Advanced Micro Devices Inc (NASDAQ:AMD) nel 2009 e in seguito li aveva combinati con l’azienda singaporiana Chartered Semiconductor Manufacturing Ltd per creare GlobalFoundries; i produttori di semiconduttori a contratto come GlobalFoundries, TSM e Samsung fabbricano chip per grandi aziende tech come Apple Inc (NASDAQ:AAPL), NVIDIA Corp (NASDAQ:NVDA) e Amazon.com Inc (NASDAQ:AMZN), che progettano i loro semiconduttori.

Caulfield prevede che nei prossimi cinque-otto anni la domanda di chip supererà l’offerta; di conseguenza, GlobalFoundries ha esaurito la capacità per la nuova fabbrica di Singapore e sta ora pianificando una seconda fase.