Rivian, la rivale di Tesla vuole lanciare un minivan?

Il recente brevetto depositato da Rivian suggerisce che la rivale di Tesla potrebbe essere interessata alla realizzazione di un minivan

Rivian, la rivale di Tesla vuole lanciare un minivan?
2' di lettura

Rivian, produttore di veicoli elettrici sostenuto da Amazon.com Inc (NASDAQ:AMZN) e Ford Motor Co (NYSE:F), ha depositato presso l’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti il brevetto di una porta scorrevole per un veicolo in stile minivan.

Cosa è successo

Il brevetto della porta scorrevole è stato depositato a maggio dell’anno scorso e l’immagine di accompagnamento nel documento mostra quello che sembra essere un minivan assomigliante a un Honda Odyssey, come osservato per la prima volta da Electrek.

Il brevetto menziona il minivan come esempio “illustrativo” e fornisce ulteriori dettagli sull’esclusivo sistema di porte che possono aprirsi completamente scivolando su un binario ridotto.

Questo è uno dei cento brevetti depositati da Rivian e non indica di per sé che la casa automobilistica elettrica abbia intenzione di produrre un minivan in futuro.

L’azienda di auto elettriche con sede a Irvine (California), che viene percepita come un brand di avventura, potrebbe però essere al lavoro su qualcosa del genere, dato l’impegno commerciale in essere in materia di consegne con il partner dell’e-commerce Amazon.

Perché è importante

Inizialmente Rivian aveva firmato un accordo con Amazon affinché fornisse veicoli elettrici commerciali per supportare le consegne; come parte dell’accordo, Rivian dovrebbe costruire fino a 100.000 camion elettrici per le consegne. Il primo lotto di 10.000 unità sarà consegnato entro la fine del 2022 e le restanti 90.000 entro il 2030.

Il produttore di veicoli elettrici ha recentemente superato l’azienda leader di mercato Tesla Inc (NASDAQ:TSLA) e altre, avendo lanciato con successo il suo pick-up R1T dalla catena di montaggio del suo impianto di produzione a Normal (Illinois). Le consegne per il SUV a sette posti R1S sono state posticipate all’autunno.

Foto per gentile concessione di Richard Truesdell tramite Wikimedia