Jobs chiese a Dell di offrire macOS in licenza ai suoi clienti

Ecco perché l’accordo non è andato a buon fine

Jobs chiese a Dell di offrire macOS in licenza ai suoi clienti
3' di lettura

Il co-fondatore di Apple Inc (NASDAQ:AAPL) Steve Jobs ha cercato di convincere il CEO di Dell Technologies Inc (NYSE:DELL) Michael Dell a offrire macOS ai suoi clienti.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo

Dell ha fatto la rivelazione in un’intervista con CNET pubblicata nel decimo anniversario della morte di Jobs.

Dell ha rivelato che lui e Jobs sono diventati amici dopo che quest’ultimo era stato estromesso da Apple.

Nel 1993, Jobs visitò la sua casa in Texas più di una volta per convincerlo ad adottare il sistema operativo NeXT, sviluppato dalla società fondata da Jobs dopo la sua uscita da Apple, come riporta CNET.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Secondo quanto riferito, Dell avrebbe rifiutato a causa della mancanza di software e di interesse da parte dei consumatori.

Nel 1997, dopo che Jobs tornò alla Apple come CEO ad interim, questi chiese a Dell di offrire in licenza una versione di macOS basata sul software Mach di NeXT, di cui era stato effettuato il porting su un computer con architettura x86.

Secondo Dell, Jobs disse: “guarda: abbiamo questo computer desktop Dell ed esegue Mac OS”; Dell dice che Jobs gli avrebbe chiesto: “Perché non offri in licenza Mac OS?”

Perché è importante

Dell era interessato alla proposta di Jobs e ha affermato che avrebbe pagato un costo di licenza per ogni PC venduto con MacOS, ma Jobs era preoccupato che ciò avrebbe influito sulle vendite dei Mac, ha osservato CNET.

Leggi anche: Apple, MacBook Pro in arrivo nelle prossime settimane?

La controproposta di Jobs era che Dell installasse MacOS e il sistema operativo Windows di Microsoft Inc (NASDAQ:MSFT) fianco a fianco su tutti i computer Dell, consentendo ai consumatori di scegliere; Dell avrebbe pagato a sua volta una commissione ad Apple per tutte le vendite di computer.

Dell avrebbe dovuto pagare ad Apple i costi di licenza su ogni PC venduto, indipendentemente dal fatto che i clienti utilizzassero o meno macOS. Secondo Dell, non aveva senso. Inoltre, Jobs non poteva garantire l’accesso continuo al sistema operativo, ha riferito CNET.

“Questo avrebbe potuto cambiare la traiettoria di Windows e Mac OS sui PC”, ha affermato Dell. “Ma ovviamente, sono andati in una direzione diversa.”

Martedì Apple ha aggiornato il suo sito web con un video che celebrava il suo co-fondatore.

Il sito web conteneva anche una dichiarazione della famiglia di Jobs, che ha scritto: “Poiché fra tutti i doni di Steve, è stato il suo potere di insegnante a resistere. Ci ha insegnato a essere aperti alla bellezza del mondo, a essere curiosi di nuove idee, a vedere dietro l’angolo e, soprattutto, a rimanere umili nella nostra mente da principianti”.

Si ipotizza che il successore di Jobs, Tim Cook, andrà in pensione fra il 2025 e il 2028, secondo il giornalista tecnologico Mark Gurman.

Movimento dei prezzi

Martedì le azioni Apple hanno chiuso la sessione regolare in rialzo di quasi l’1,4% a 141,11 dollari e nella sessione after-hours hanno ceduto quasi lo 0,2%; lo stesso giorno, le azioni Dell hanno chiuso la sessione regolare in aumento dello 0,66% a 105,93 dollari.

Leggi anche: Apple, chi prenderà il posto di Tim Cook come CEO?

Foto per gentile concessione di Ben Stanfield