Boom degli NFT, la DeFi adotta un approccio diverso

L’esplosione dei token non fungibili (NFT) registrata l’anno scorso ha ridotto l’interesse di investitori e sviluppatori per il settore della finanza decentralizzata (DeFi)

Boom degli NFT, la DeFi adotta un approccio diverso
4' di lettura

La finanza decentralizzata (DeFi) è uno dei trend fondamentali nel settore della blockchain ed è alla base di molti cambiamenti nell’economia finanziaria in generale. La crescita a spirale della DeFi è una testimonianza dell’elevato potenziale delle piattaforme decentralizzate e delle valute digitali. La DeFi ha introdotto un cambio di paradigma rispetto ai sistemi finanziari tradizionali, che si sono concentrati sul consolidamento e sull’innovazione sminuito però l’importanza dell’inclusione finanziaria.

Con la DeFi sono emersi i token non fungibili (NFT), che hanno quasi causato una rivoluzione nel settore della creatività e dell’intrattenimento: gli NFT sono opere d’arte, canzoni, video e oggetti da collezione in versione tokenizzata che vengono mantenuti e trasferiti in modo sicuro tramite la blockchain. I token non fungibili hanno aperto una nuova finestra che permette ai content creator di proteggere e di monetizzare i loro contenuti nonché di trarre pieno vantaggio dalla loro creatività e dai loro talenti.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Leggi anche: L’impatto della blockchain nell’era dei social network

La rivoluzione degli NFT

La tecnologia dei token non fungibili è rivoluzionaria, almeno secondo i suoi sostenitori. In primo luogo, questa tecnologia sta consentendo ad artisti e content creator di non avvalersi di intermediari e broker come gallerie d’arte o case discografiche, che di solito prendono la quota più consistente degli introiti: i content creator e gli artisti possono interagire direttamente con i fruitori dei contenuti e delle opere d’arte e possono stipulare accordi vantaggiosi senza la necessità di coinvolgere soggetti esterni.

In un certo senso, gli NFT e le tecnologie decentralizzate lavorano per il bene sia dei content creator che dei consumatori: entrambi gli strumenti introducono un ulteriore livello di trasparenza consentendo ai content creator di connettersi direttamente con i fruitori per ottenere il massimo risultato.

Anche se la strada da percorrere per un’adozione mainstream degli NFT potrebbe essere ancora lunga, questa tecnologia sta già facendo notevoli progressi, competendo con importanti società e attori che operano nel settore dell’intrattenimento.

Gli NFT stanno causando un importante cambiamento nella condivisione dei contenuti digitali in diversi settori e si prevede che domineranno le future economie virtuali; un settore critico che ne trarrà vantaggio è quello degli eSport, dove sembrano verificarsi diversi cambiamenti, soprattutto fra i giovani e gli esperti di tecnologia.

I mercati del collezionismo e molti altri settori sono pronti ad accogliere gli importanti cambiamenti portati dai token non fungibili. Diverse istituzioni apprezzano già l’importanza dell’autenticità, dell’incomparabile sicurezza e della tracciabilità offerte dagli NFT.

Limitando l’accessibilità, gli NFT hanno poi introdotto l’elemento della scarsità, che aggiunge valore ai contenuti e alle opere d’arte digitali.

Ti potrebbe interessare: AMC e GameStop potrebbero collaborare per gli NFT

Dopo quella che appare come la chiusura di un ciclo di mercato, sembra che la finanza decentralizzata stia cercando di recuperare terreno rispetto agli NFT: ciò è dovuto principalmente al giro di vite normativo sui progetti DeFi che ha scoraggiato molti investitori e sviluppatori; inoltre, il settore della DeFi ha attirato molti attori e si è saturato.

Attualmente gli NFT sono il nuovo argomento di tendenza nel settore delle criptovalute e, sebbene i numeri possano essere ancora relativamente bassi, il terreno per la crescita è fertile se ci basiamo sul crescente livello di coinvolgimento e di interesse.

Gli NFT stanno esplodendo

Ultimamente i giornali hanno dedicato prime pagine suggestive ai token non fungibili: il nuovo trend à la possibilità a personaggi famosi, musicisti e produttori cinematografici di ottenere l’indipendenza mantenendo l’autenticità delle opere creative. Le principali vendite di NFT degli ultimi giorni includono il primo tweet di Jack Dorsey per 2,9 milioni di dollari, gli NFT di Logan Paul ispirati ai Pokemon che hanno raccolto più di 3,5 milioni in un solo giorno e un lavoro di Beeple incentrato su Trump che è stato rivenduto per 6,6 milioni.

L’ondata degli NFT dovrebbe registrare un aumento, soprattutto perché questi attraggono altri settori; all’inizio gli NFT erano una prerogativa dell’industria dell’arte, ma adesso hanno coinvolto anche altri settori come l’intrattenimento, i giochi e gli oggetti da collezione sportivi.

In conclusione

Sia gli NFT che la finanza decentralizzata stanno cambiando il modo in cui i content creator condividono e monetizzano le loro creazioni, tuttavia gli NFT hanno rivoluzionato il panorama consentendo ai content creator di connettersi direttamente con i propri fan e di gestire i propri contenuti; inoltre, i token non fungibili hanno aggiunto un ulteriore livello di trasparenza nella proprietà dei contenuti digitali, inclusi video, musica, libri, foto, meme e GIF.