Mark Zuckerberg sul significato della vita e della morte

Il CEO di Meta Mark Zuckerberg è intervenuto al Lex Fridman Podcast per fare alcune riflessioni sulla vita e la morte

Mark Zuckerberg sul significato della vita e della morte
3' di lettura

Mark Zuckerberg, il co-fondatore e CEO di Meta Platforms Inc (NASDAQ:FB), ha trascorso la maggior parte della sua vita a creare strumenti per facilitare la connessione umana, e continua a spingersi oltre i limiti dell’interazione mentre Meta sposta la sua attenzione sulla realtà alternativa del metaverso.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Dunque, che cosa pensa l’uomo che sta creando nuovi mondi del senso della vita in questo? Quando si tratta di vita, la risposta è abbastanza chiara, ma riguardo alla morte…

“I vincoli sono utili”, ha dichiarato sabato Zuckerberg al ‘Lex Fridman Podcast # 267’.

Fa effetto sentire questa frase dal ragazzo che a 19 anni ha fondato quella che oggi è la maggior piattaforma di social media al mondo e che all’età di 23 anni è diventato il più giovane miliardario del pianeta.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Leggi anche: Meta, il progetto crypto Diem rinascerà senza Zuckerberg

Il tramonto…

Zuckerberg è decisamente consapevole della qualità limitata della vita e mira a restare al sicuro, ma non è spaventato dalla morte; ad ogni modo, crede che una vita più lunga sia una buona cosa. Per questo motivo ha impegnato il 99% delle sue azioni Meta in cause filantropiche, in particolare verso la capacità di curare, prevenire o gestire tutti i tipi di malattie.

“Ma è stata una decisione intenzionale quella di non concentrare la nostra filantropia in modo esplicito sulla longevità o sul vivere per sempre”, ha dichiarato Zuckerberg.

Se potesse avere la risposta a una domanda da porre al momento della sua morte, ha dichiarato che vorrebbe sapere se la sua famiglia sta bene.

“Potrebbe dipendere dalle circostanze della mia morte, ma penso che nella maggior parte delle circostanze che mi vengono in mente, questa è probabilmente la cosa principale di cui mi importerebbe”.

Dopo queste parole, Zuckerberg ha osservato che sebbene la sua risposta sia probabilmente in linea con quella che darebbero la maggior parte delle persone, per lui non è ovvia.

“Da un lato, questa è probabilmente la cosa più vicina a me e forse l’esperienza umana più comune”, ha affermato Zuckerberg. “Ma una delle cose con cui combatto gestendo una grande impresa è: la cosa a cui tengo di più dovrebbe essere quella responsabilità?”.

Per il CEO di Meta molte cose sono cambiate nel corso del tempo. Prima di avere una famiglia, l’azienda era l’unica cosa a cui teneva, secondo quanto dichiarato. “A questo punto, ci tengo profondamente, ma… non è una domanda così ovvia”.

…E l’alba

Per Zuckerberg, il significato della vita è più chiaro. Da un punto di vista intellettuale, pensa che la gente debba connettersi, un aspetto che la società sottovaluta sistematicamente, ha detto il CEO di Meta.

Da una prospettiva religiosa, Zuckerberg ha messo in evidenza che la Bibbia si concentra sulla creazione: “Perché la Bibbia inizia da lì?”, si domanda. “Sarebbe potuta iniziare ovunque in termini di come vivere, ma in pratica inizia parlando di come Dio ha creato le persone”.

“In realtà penso che ci sia un argomento convincente che ho sempre trovato significativo e stimolante, ovvero che, in un certo senso, la religione ci ha detto che dovremmo creare e costruire cose”, ha dichiarato Zuckerberg.

Il CEO di Meta ha dedicato la propria vita alla sua personale interpretazione del significato della Bibbia: creare cose per favorire la connessione umana. Zuckerberg continua a farlo spingendosi oltre i confini della connessione, cambiando il modo in cui la gente crea e comprende ciò che è reale.

“Il mondo reale è una combinazione del mondo fisico e del mondo virtuale, ma penso che nel corso del tempo, man mano che avremo una maggiore tecnologia, il mondo fisico diventerà meno di una percentuale del mondo reale e penso che questo aprirà molte opportunità per le persone”.

Vuoi leggere altre notizie sui mercati azionari e le criptovalute? Non perderti la nostra newsletter per imparare a fare trading sulle opzioni.

Foto: su Flickr