27 titoli resistenti alla recessione per investire oggi

Ecco 27 aziende quotate in Borsa appartenenti ai principali settori su cui puntare durante un mercato ribassista (beni di consumo di base, utility, sanitario)

27 titoli resistenti alla recessione per investire oggi
2' di lettura

Quando entriamo in un periodo di incertezza economica viene tirata fuori l’espressione “titoli a prova di recessione”; tuttavia in realtà l’unica certezza è che non esistono titoli a prova di recessione.

D’altra parte, le aziende resistenti alla recessione sono ciò che un investitore esperto cerca in assenza di un mercato rialzista, come in questo periodo.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Storicamente, i settori ciclici come quello finanziario e dei beni voluttuari hanno sovraperformato durante i mercati rialzisti. Queste azioni sono spesso suscettibili ai tassi di interesse e alla crescita economica; ciò significa che hanno performance peggiori di altre durante un mercato ribassista o una recessione imminente.

Durante una recessione, man mano che le persone diventano più preoccupate per il loro bilancio, le preferenze dei consumatori passano dagli acquisti facoltativi e di lusso ai prodotti e servizi essenziali per la casa.

Durante periodi incerti come questo, il denaro istituzionale ruota verso settori resistenti alla recessione o difensivi; tra questi troviamo i beni di consumo di base, le utility e il settore sanitario, che storicamente ottengono buoni risultati durante una recessione.

Il settore energetico (+49,17%) è quello con i rendimenti più importanti quest’anno, a causa dell’aumento dei prezzi del petrolio, dei timori per la supply chain e della domanda di gas, attrezzature energetiche e servizi mentre prosegue la guerra in Ucraina.

Questo mercato ribassista è diverso. Ecco i rendimenti da inizio anno dei seguenti settori:
Beni di consumo di base: -0,62%
Utility: +0,73%
Sanitario: -8,1%

In apparenza questi settori potrebbero sembrare investimenti incerti, ma ad un’occhiata più attenta si legge una storia diversa e si ricavano idee di investimento.

Beni di consumo di base:

Bevande: +2,21%

  • Coca-Cola Co (NYSE:KO)
  • PepsiCo, Inc. (NASDAQ:PEP)
  • Constellation Brands, Inc (NYSE:STZ)

Prodotti alimentari: +8,76%

  • Albertsons Companies Inc (NYSE:ACI)
  • SpartanNash Co (NASDAQ:SPTN)
  • Andersons Inc (NASDAQ:ANDE)

Tabacco: +9,27%

  • Altria Group Inc (NYSE:MO)
  • British American Tobacco PLC (NYSE:BTI)
  • Vector Group Ltd. (NYSE:VGR)
Utility:

Utility elettriche: -1,71%

  • NRG Energy Inc (NYSE:NRG)
  • DTE Energy Co (NYSE:DTE)
  • OGE Energy Corp. (NYSE:OGE)

Multi-utility: +9,05%

  • PG&E Corporation (NYSE:PCG)
  • Black Hills Corp (NYSE:BKH)
  • Exelon Corporation (NASDAQ:EXC)

Alimentazione indipendente ed energia rinnovabile: -13,83%

  • Clearway Energy Inc Class A (NYSE:CWEN.A)
  • NextEra Energy Inc (NYSE:NEE)
  • First Solar, Inc. (NASDAQ:FSLR) 
Sanitario:

Fornitori e servizi: +1,23%

  • National HealthCare Corporation (NYSE:NHC)
  • Davita Inc (NYSE:DVA)
  • Alignment Healthcare Inc (NASDAQ:ALHC)

Tecnologia sanitaria: +1,22%

  • Sophia Genetics SA (NASDAQ:SOPH)
  • Computer Programs & Systems, Inc. (NASDAQ:CPSI) 
  • HealthStream, Inc. (NASDAQ:HSTM)

Prodotti farmaceutici: -0,55%

  • Viatris Inc (NASDAQ:VTRS)
  • Regencell Bioscience Holdings Ltd (NASDAQ:RGC)
  • Prestige Consumer Healthcare Inc (NYSE:PBH)

Foto: The Investor Post da Pixabay 

Tieniti aggiornato su tutte le ultime notizie e le idee di trading seguendo Benzinga Italia su Twitter.