Gregory M. Shumaker diventa ottavo Managing Partner di Jones Day

4' di lettura

WASHINGTON, 19 novembre 2022 /PRNewswire/– Stephen J. Brogan, Managing Partner di Jones Day dal 2002, ha annunciato oggi che, a partire dal 1° gennaio 2023, Gregory M. Shumaker diventerà il prossimo Managing Partner di Jones Day, solo l’ottavo Managing Partner in 130 anni di storia dell’azienda.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Gregory M. Shumaker

Jones Day è un’istituzione legale globale con oltre 2.400 avvocati in 40 uffici dislocati in tutto il mondo. Si tratta di un’unica partnership globale integrata con un sistema di governance unico che, tra le altre funzioni, prevede che il suo Managing Partner sia selezionato dal predecessore, che si trova nella posizione migliore per individuare le opportunità attuali per l’azienda e identificare la persona più idonea a sfruttarle. Oltre al Sig. Brogan, i precedenti Managing Partner di Jones Day sono stati Frank Ginn (1913-1937, pioniere del concetto di Managing Partner 20 anni dopo la fondazione dell’azienda), Tom Jones (1938-1947), Jack Reavis (1948-1974), Allen Holmes (1975-1983), Dick Pogue (1984-1992) e Pat McCartan (1992-2002).

Il Sig. Shumaker si è laureato presso la Brown University e la facoltà di Giurisprudenza della University of Notre Dame, dove ha svolto il ruolo di redattore di note della rivista giuridica. Ha trascorso tutta la sua carriera in azienda, precisamente nell’ufficio di Washington. Il Sig. Shumaker è diventato partner di Jones Day nel 1997 e da allora ha ricoperto molte posizioni di leadership in azienda tra cui Partner responsabile dell’Ufficio di Washington, Partner per l’assunzione a livello aziendale, e dal 2015 leader dell’Ufficio vertenze globali dello Studio, composto da oltre 200 avvocati in tutto il mondo che gestiscono arbitrati internazionali, indagini, e controversie transfrontaliere in tribunali al di fuori degli Stati Uniti. Durante i 35 anni trascorsi in Jones Day, ha seguito una serie di controversie di alto profilo, tra cui la causa per la bancarotta della città di Detroit, il più grande fallimento di una municipalità della storia.

Greg Shumaker è un avvocato di talento nonché leader comprovato”, ha dichiarato Brogan. “È con Jones Day da sempre, fin dai tempi del suo impiego estivo nel 1986, e ama l’azienda. Ha la capacità, la dedizione e l’istinto necessario per consentire all’azienda di proseguire nel suo cammino di successo, accettando le opportunità e le responsabilità che l’azienda e la professione legale incontreranno in futuro.

“Greg è un leader nato che mostra al contempo un fascino disarmante e la volontà ferrea di proteggere l’azienda e suoi clienti. Sarà un eccellente amministratore e si occuperà con cura sia della nostra Istituzione che delle oltre 20.000 persone la cui vita dipende dal suo buon andamento. Jones Day è onorata di avere Greg nel ruolo di ottavo Managing Partner.

“Ho contribuito all’assunzione di Greg in azienda nel 1986. Già da allora mi ero accorto che possedeva doti speciali e un carattere che un giorno gli avrebbe permesso di guidare la nostra azienda. Quel giorno è arrivato”.

Steve Brogan è stato uno dei partner più importanti della lunga storia di Jones Day“, ha dichiarato Shumaker. “Ho ammirato le sue incredibili e magnetiche capacità di leadership fin dal nostro primo colloquio alla facoltà di giurisprudenza più di 35 anni fa. Durante quasi mezzo secolo di servizio all’azienda, è stato il principale responsabile della trasformazione di Jones Day da studio legale nazionale di alta qualità con sede nel Midwest a unica partnership di diritto globale integrata, in cui gli avvocati di tutte le sedi lavorano in modo collaborativo per fornire ai clienti un servizio di livello eccellente.”

Sotto la leadership di Brogan, Jones Day ha aggiunto oltre 600 avvocati e 18 uffici, ampliato la sua presenza in Australia, è entrata in America Latina ed è tornata in Medio Oriente. Al contempo, l’azienda ha continuato a rafforzare la qualità dei suoi servizi legali, diventando una colonna portante del report BTI Consulting Client Service A-Team report che misura il servizio al cliente, assicurandosi il primo posto nel sondaggio negli ultimi sei anni.

Il Sig. Brogan ha anche ampliato notevolmente gli impegni pro bono di Jones Day. È stato il motore trainante degli sforzi operati dall’azienda per rappresentare gli interessi dei richiedenti asilo al confine meridionale degli Stati Uniti. Dal 2014 Jones Day gestisce strutture che funzionano come sedi di prova remote lungo il confine meridionale e ora dispone di un ufficio completamente operativo a Laredo, Texas, con personale a rotazione composto da avvocati e professionisti di tutta l’azienda. Inoltre, Jones Day ha assistito i richiedenti asilo nei campi profughi di Lesbo, in Grecia. Finora, più di 1.000 avvocati di quasi tutti gli uffici dell’azienda hanno partecipato a questa attività, fornendo assistenza legale a oltre 15.000 persone.

“Steve ama dire che “le persone non cambiano le grandi istituzioni ma le grandi istituzioni cambiano le persone”, ha evidenziato Shumaker. “In generale, questo è sicuramente vero ma non c’è dubbio che negli ultimi 20 anni trascorsi come Managing Partner di Jones Day, Steve Brogan abbia trasformato l’ambito dei servizi dell’azienda, stabilendo valori e principi operativi che la rendono un’istituzione assolutamente unica e di successo. Ho il grande onore e l’enorme responsabilità di raccogliere la sua eredità, portando avanti il contributo dell’azienda alla professione e al progresso dello stato di diritto in tutto il mondo.”

 

Cision View original content:https://www.prnewswire.com/news-releases/gregory-m-shumaker-diventa-ottavo-managing-partner-di-jones-day-301683356.html