Warren Buffett abbandona Johnson & Johnson nel Q3

Johnson & Johnson, leader farmaceutico dai dividendi storici, sotto pressione mentre gli hedge fund vendono in massa nel terzo trimestre

Warren Buffett abbandona Johnson & Johnson nel Q3
2' di lettura

Nel terzo trimestre di quest’anno, Johnson & Johnson, re dei dividendi di prim’ordine, è stato molto venduto dagli hedge fund miliardari. Questo fatto è emerso dai recenti documenti 13F dei magnati di Wall Street.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Johnson & Johnson (NYSE:JNJ) è una delle più grandi aziende farmaceutiche del mondo, con circa 130.000 dipendenti in tutto il mondo. Ha vinto il riconoscimento di azienda più ammirata al mondo da Fortune nel 2023.

Johnson & Johnson ha una storia di oltre 60 anni in cui ha generato rendimenti per gli azionisti sotto forma di dividendi, secondo il Time. Il titolo Johnson & Johnson genera un rendimento dei dividendi del 3,17%.

È anche un titolo “da vendere” molto popolare tra gli hedge fund, secondo gli ultimi documenti 13F del terzo trimestre.

Nel terzo trimestre, il numero di hedge fund che possiedono azioni Johnson & Johnson tra le 10 principali partecipazioni è diminuito del 16,36%. Il numero di hedge fund che hanno chiuso le loro posizioni in JNJ è aumentato del 5,26%, mentre quelli che hanno ridotto le loro partecipazioni sono aumentati del 18,78%.

Bridgewater Associates di Ray Dalio ha venduto 424 milioni di dollari in azioni Johnson & Johnson nel terzo trimestre, la seconda vendita più grande della società per valore di mercato. Il portafoglio di Bridgewater ha ora un’allocazione del 2,56% al titolo. In precedenza era del 3,25%.

La Bershire Hathaway Inc (NYSE:BRK) (NYSE:BRK) di Warren Buffett ha chiuso la sua posizione in Johnson & Johnson questo trimestre.

Lazard Asset Management ha venduto 1,13 miliardi di dollari in azioni Johnson & Johnson, riducendo la sua allocazione di portafoglio dal 2,16% all’1,55%.

Alliancebernstein ha venduto 1,2 milioni di azioni Johnson & Johnson, riducendo la sua partecipazione dallo 0,49% allo 0,4%.

L’imminente scadenza del brevetto di Stelara, uno dei suoi prodotti più venduti, rappresenta una sfida per una delle divisioni farmaceutiche di Johnson & Johnson. Un altro problema significativo per l’azienda è rappresentato dai contenziosi. Questi venti contrari stanno dissuadendo i magnati degli hedge fund dal rimanere in una delle più grandi aziende farmaceutiche?

Photo via Shutterstock