Arrival, il limite ai ricavi dipenderà dalle micro-fabbriche

È quanto affermato da Denis Sverdlov, amministratore delegato della startup di auto elettriche

Arrival, il limite ai ricavi dipenderà dalle micro-fabbriche
3' di lettura

Arrival SA (NASDAQ:ARVL), produttore di veicoli elettrici con sede nel Regno Unito, mercoledì ha ribadito l’intenzione di avere 31 micro-fabbriche in funzione entro la fine del 2024, e che potrebbe costruirne altre qualora la domanda risultasse elevata.

Cosa è successo

La startup di veicoli elettrici a basso CapEx e rapidamente scalabile sta installando quattro micro-fabbriche per lanciare autobus, furgoni, camion e automobili elettrici. L’azienda ha due micro-fabbriche in South Carolina, una delle quali si trova a Rock Hill e presso la quale prevede di avviare la produzione di autobus entro la fine dell’anno; la costruzione degli altri due stabilimenti è prevista nel Regno Unito e la produzione dovrebbe essere avviata il prossimo anno.

“Disponiamo di circa il 70% delle attrezzature per la micro-fabbrica di Rock Hill, dove intendiamo avviare la produzione degli autobus, e passeremo il resto dell’anno a installare le attrezzature; l’impianto procede bene”, ha dichiarato agli investitori Mike Ableson, CEO di Arrival Automative North America, in occasione della Global Auto Industry Conference di Deutsche Bank tenutasi virtualmente.

Le case automobilistiche tradizionali di solito effettuano grosse spese in conto capitale e hanno enormi fabbriche che vengono utilizzate per costruire una vasta gamma di veicoli; Arrival, invece, sta tentando di sconvolgere il settore con la sua strategia di micro-fabbriche, caratterizzata dalla costruzione di piccole unità che possono essere facilmente controllate.

“Sulla base di tutte le nostre discussioni con i clienti di autobus e furgoni, riteniamo che il limite al nostro fatturato si basi sulla velocità con cui siamo in grado di istituire queste micro-fabbriche”, ha affermato Denis Sverdlov, fondatore e amministratore delegato di Arrival.

“In ogni luogo in cui allestiamo una micro-fabbrica, siamo fiduciosi che ci sarà una domanda di almeno 10.000 unità in modo naturale. Potremmo costruire altre fabbriche se la domanda sarà alta”.

Sverdlov ha affermato che Arrival mira a un investimento di capitale di 45-50 milioni di dollari per fabbrica, e ogni micro-fabbrica può raggiungere un margine lordo annuo di 100 milioni di dollari all’anno, supponendo che vengano prodotti e venduti 10.000 furgoni o 1.000 autobus all’anno.

Perché è importante

Allo stato attuale non c’è una grande offerta di veicoli elettrici commerciali e attori come Tesla Inc (NASDAQ:TSLA), Arrival e TuSimple Holdings (NASDAQ:TSP) stanno scommettendo su questo settore.

Arrival crede che il segmento dei veicoli commerciali adotterà rapidamente la transizione all’elettrico in tutto il mondo, aiutato da politiche governative a livello locale, statale e nazionale che incoraggiano l’uso dei veicoli elettrici tramite sussidi o che applicano tasse d’uso per i gestori di flotte che continuano a utilizzare veicoli a combustibili fossili.

Il colosso delle spedizioni United Parcel Service Inc (NYSE:UPS) ha un contratto in essere con Arrival per l’acquisto di 10.000 furgoni elettrici, con un’opzione per acquistarne altri 10.000.

Movimento dei prezzi

Giovedì le azioni Arrival hanno chiuso in ribasso.

Leggi il prossimo: Arrival sta per diventare obiettivo di uno short squeeze?

Foto per gentile concessione di Arrival