Pre-market: futures USA in verde, utili Adobe sopra le stime

Un’occhiata ai mercati; Europa apre per lo più in calo, piazze asiatiche chiudono sostanzialmente in rosso

Sedute USA
3' di lettura

Movimenti in pre-apertura

Nei primi scambi in pre-market i futures azionari statunitensi erano in leggero rialzo dopo che Wall Street ha chiuso la sessione precedente in modo contrastato. La scorsa settimana le richieste di nuovi sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti sono aumentate a 412mila unità, registrando il primo aumento da oltre un mese.

I futures sull’indice Dow Jones erano in aumento di 11 punti, attestandosi a 33.816, quelli sull’S&P 500 guadagnavano 0,50 punti a quota 4.222,75 e i futures sul Nasdaq 100 salivano di 33,50 punti, a 14.199.

Ad oggi negli Stati Uniti è stato registrato il numero più elevato di casi e di decessi per coronavirus al mondo, con un totale di oltre 33.508.900 contagi e circa 600.930 vittime; intanto l’India ha registrato un totale di almeno 29.762.790 casi di COVID-19, mentre il Brasile ha confermato oltre 17.702.630 casi.

I prezzi del petrolio sono scesi, coi futures sul Brent in calo dello 0,5% a 72,72 dollari al barile; i futures sul WTI hanno registrato un ribasso dello 0,4% a 70,79 dollari al barile. La scorsa settimana le scorte di gas naturale degli Stati Uniti sono cresciute di 16 miliardi di piedi cubici, ha comunicato giovedì l’Energy Information Administration. Il report di Baker Hughes Inc. sul conteggio delle piattaforme petrolifere attive nell’area nordamericana verrà diffuso alle 13:00 ET.

Uno sguardo ai mercati globali

Oggi i mercati europei hanno aperto per lo più in ribasso: l’indice spagnolo Ibex cedeva lo 0,5%, lo STOXX Europe 600 perdeva lo 0,2%, l’indice francese CAC 40 guadagnava lo 0,1%, il FTSE 100 di Londra era in rosso dello 0,4% e l’indice tedesco DAX 30 faceva segnare -0,3%. A maggio i prezzi alla produzione in Germania sono cresciuti del 7,2% su base annua, registrando la crescita più robusta da ottobre 2008; sempre a maggio, le vendite al dettaglio nel Regno Unito sono diminuite dell’1,4% rispetto a un aumento del 9,2% ad aprile. L’output delle costruzioni in Italia ad aprile ha registrato un rialzo del 60,2% su base annua; sempre ad aprile, l’avanzo delle partite correnti dell’Eurozona è cresciuto a 31,4 miliardi di euro dai 12,1 miliardi dello stesso mese dell’anno scorso.

I listini asiatici hanno chiuso sostanzialmente in territorio negativo: l’indice giapponese Nikkei ha perso lo 0,19%, l’Hang Seng di Hong Kong ha guadagnato lo 0,85%, il cinese Shanghai Composite è arretrato dello 0,01%, l’indice australiano S&P/ASX 200 ha osservato un incremento dello 0,1% e l’indiano BSE Sensex ha fatto segnare -0,3%. Durante il vertice di giugno la Banca del Giappone ha mantenuto i tassi di interesse di riferimento a breve termine a -0,1%; a maggio i prezzi al consumo in Giappone sono scesi dello 0,1% su base annua.

Ultime notizie

  • Adobe Inc (NASDAQ:ADBE) ha riportato risultati ottimistici per il secondo trimestre e ha pubblicato una solida guidance per il trimestre in corso.
  • Hydrofarm Holdings Group Inc (NASDAQ:HYFM) ha annunciato l’intenzione di acquisire Aurora Innovations, Inc. e le sue attività di nutrienti organici e mezzi per la coltivazione.
  • Smith & Wesson Brands Inc (NASDAQ:SWBI) ha registrato risultati del quarto trimestre migliori del previsto; la società ha riportato un programma di buyback da 50 milioni di dollari e ha anche incrementato il dividendo trimestrale da 0,05 a 0,08 dollari per azione.
  • Advanced Micro Devices, Inc (NASDAQ:AMD) e Google – consociata di Alphabet Inc (NASDAQ:GOOGL) (NASDAQ:GOOG) – giovedì hanno annunciato il lancio di T2D.