Perché Apple pensa ad un abbonamento hardware?

Secondo Morgan Stanley, la monetizzazione della gigantesca base utenti attraverso offerte di abbonamento mensile può spingere al rialzo le azioni di Apple

Perché Apple pensa ad un abbonamento hardware?
3' di lettura

Dopo che un recente report ha suggerito che Apple, Inc. (NASDAQ:AAPL) starebbe lavorando a un modello di abbonamento per i suoi prodotti hardware già alla fine del 2022 o nel 2023, un’analista di Morgan Stanley ha esaminato la fattibilità, la sostenibilità e l’utilità di questa opzione.

Cosa dicono gli analisti su Apple

Katy Huberty offre un rating Overweight e un target price di 210 dollari per le azioni Apple.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Leggi: Apple vuole tagliare la produzione di iPhone e AirPods

La tesi su Apple

Nell’eventualità di passare a un modello di abbonamento hardware, tutti gli acquisti saranno legati agli ID utente Apple invece che ai numeri di telefono o ai conti delle carte di credito/debito, ha affermato Huberty.

Secondo l’analista, il passaggio dalla vendita di prodotti hardware con il tradizionale modello ‘prezzo/tempi/unità’ alla monetizzazione di una base utenti da oltre un miliardo di persone attraverso offerte di abbonamento mensile in bundle potrebbe generare un significativo rialzo per il prezzo delle azioni della società.

Questo passaggio al nuovo modello potrebbe non avvenire nei prossimi mesi, ha detto Huberty. La disponibilità media di un utente Apple a pagare per l’accesso ai propri dispositivi e servizi Apple è considerevolmente superiore al dollaro al giorno che spende attualmente.

Huberty ritiene che il modello di abbonamento sarà diverso dai piani rateali attualmente offerti; a differenza di questi ultimi, che esigono un pagamento di circa 30-40 dollari al mese per l’iPhone nel corso di 12-14 mesi, con un modello di abbonamento un utente Apple pagherebbe perennemente un certo prezzo al mese per ottenere l’accesso al suo dispositivo.

Huberty prevede che l’offerta di abbonamento di Apple avrà livelli di prezzo diversi. L’opzione base consentirà a un utente di accedere a un nuovo iPhone legacy ogni mese, mentre l’opzione più costosa darà accesso a un nuovo modello di iPhone ogni 12 mesi; Apple può creare una moltitudine di pacchetti diversi per essere in grado di conquistare la maggior disponibilità possibile da parte degli utenti a pagare in base al loro consumo, ha aggiunto l’esperta di Morgan Stanley.

Huberty ha affermato che un piano di abbonamento contribuirebbe a ridurre i cicli di sostituzione dell’hardware e ad aumentare la spesa per utente; secondo l’analista, con un modello di abbonamento al 100%, Apple probabilmente dovrà collaborare con istituti finanziari esterni al fine di limitare il rischio di credito.

Huberty ritiene che l’opzione di abbonamento sarà disponibile solo su Apple.com o in un negozio al dettaglio Apple, portando un maggior numero di consumatori verso un modello direct-to-consumer; questo è in contrasto con il solo 15% delle spedizioni di iPhone, il 30% di Mac/iPad e il 20-25% di dispositivi indossabili venduti direttamente attraverso Apple.com o uno dei suoi 518 negozi al dettaglio, ha osservato l’analista.

Secondo Huberty, l’associazione di un abbonamento hardware insieme a un pacchetto in stile Apple One contribuirà a incrementare l’adozione dei servizi proprietari di Apple come Apple Music, Apple Arcade, iCloud ecc.; ciò non solo contribuirebbe a promuovere una maggiore crescita dei Servizi, ma ridurrebbe anche la dipendenza di Apple dall’App Store, soggetto a rischi normativi e legali.

Movimento dei prezzi

Le azioni Apple hanno chiuso in rialzo dell’1,91% a 178,96 dollari.

Ti interessa il trading sulle opzioni? Non perderti la nostra newsletter.