La normalizzazione della supply chain favorirà Bitcoin?

I recenti dati del report ISM sui tempi di consegna dei fornitori sono decisamente più incoraggianti rispetto al periodo pandemico. L’inflazione si prepara finalmente a rallentare?

La normalizzazione della supply chain favorirà Bitcoin?
2' di lettura

In mezzo all’incertezza che circonda l’attuale contesto macroeconomico (e che produce un impatto sul mercato delle criptovalute), la scorsa settimana abbiamo ricevuto alcune notizie positive: i problemi di supply chain potrebbero finalmente essere risolti.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Le interruzioni delle catene di approvvigionamento globali causate dalla pandemia di COVID-19 hanno contribuito in modo decisivo al persistere di un elevato livello di inflazione. Esistono due indicatori chiave che misurano il grado di interruzione delle supply chain: la percentuale di intervistati nel report ISM che mostra tempi di consegna dei fornitori più lenti e i prezzi di spedizione globali.

La scorsa settimana è emerso che il 19,6% degli intervistati nel report ISM ha indicato tempi di consegna dei fornitori più lenti, un dato significativamente migliore rispetto ai drastici livelli del 70-80% che avevamo riscontrato durante la pandemia.

Il fatto che tale indicatore si sia normalizzato è promettente. Ciò suggerisce che l’inflazione transitoria dovuta all’interruzione della supply chain negli ultimi 18-24 mesi potrebbe essere stata debellata. Pertanto, i report sull’inflazione dei prossimi mesi dovrebbero iniziare a indicare una discesa nei prezzi dei beni.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Tuttavia, ciò non significa che il lavoro della Federal Reserve sia terminato e che la banca centrale statunitense presto invertirà la politica monetaria; l’inflazione dei servizi infatti è ancora elevata. Sappiamo che c’è una forte domanda nel mercato del lavoro USA: il report di venerdì ha mostrato che le offerte di lavoro negli Stati Uniti per lavoratore disoccupato sono 2,5 deviazioni standard al di sopra del trend pre-pandemia.

In sintesi, la Federal Reserve ha ancora molto lavoro da fare. Comunque, i dati relativi alla possibile risoluzione del problema della supply chain forniscono un certo ottimismo agli investitori a lungo termine nel clima attuale. Il report sull’indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti del 13 settembre sarà un evento cruciale per Bitcoin (CRYPTO:BTC), le altcoin e le azioni: mostrerà quanto lavoro è rimasto da fare alla Federal Reserve.

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azioni, breakout, criptovalute e opzioni.