Pre-market: i futures galleggiano in attesa dei prossimi dati

Uno sugardo ai futures USA sui principali indici di borsa suggerisce un inizio leggermente positivo

Pre-market: i futures galleggiano in attesa dei prossimi dati
4' di lettura

Il trading dei futures sull’indice suggerisce che le azioni statunitensi potrebbero iniziare con leggermente in positivo venerdì. Nonostante i primi segnali, due dati economici chiave indirizzeranno probabilmente la direzione degli scambi nell’ultima sessione della settimana.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Giovedì le borse principali hanno registrato dei lievi guadagni mentre i dati sulle richieste di disoccupazione hanno dato speranza ai trader su un prossimo pivot della Fed.

I titoli IT, sanitario, dei beni di consumo voluttuari e sanitari hanno riscontrato un forte interesse all’acquisto, mentre i titoli energetici hanno chiuso in ribasso.

La performance degli indici statunitensi di ieri
Indice Performance (+/-)   Valore
Nasdaq Composite +1,13%   11.082
S&P 500 +0,75%   3.963,51
Dow Jones +0,55%   33.781,48

Se le letture dell’inflazione dei prezzi al consumo e alla produzione di novembre mostreranno un’inflazione moderata, questo unito a commenti accomodanti dalla riunione del Federal Open Market Committee della prossima settimana, si aprirebbe la strada al rally di Babbo Natale, affarma il senior strategist degli investimenti presso Prudent Management Associates, Daniel Berkowitz.

L’analista, tuttavia, è cauto riguardo al nuovo anno.

“Il 2023 offre abbastanza incertezze e jolly che i regali di un rally natalizio potrebbero diventare rapidamente un ricordo. Ci sono ancora una miriade di rischi d’investimento all’orizzonte e pensiamo ancora che una posizione moderatamente difensiva sia appropriata per gli investitori sia nell’azionario che negli investimenti a reddito fisso”, ha aggiunto.

Uno sguardo ai futures sugli indici azionari

Performance dei futures USA nel pre-market di oggi
Indice Performance (+/-)  
Futures sul Nasdaq +0,28%  
Futures sull’S&P 500 +0,18%  
Futures sul Dow Jones +0.07%  
Futures sul Russell 2000 +0,03%  

Al momento della pubblicazione, nella sessione pre-market di venerdì, l’SPDR S&P 500 ETF Trust (NYSE:SPY) guadagnava lo 0,16% a 396,88 dollari e l’Invesco QQQ Trust (NYSE:QQQ) segnava +0,31% a 284,72 dollari. Dati di Benzinga Pro.

Leggi anche: I migliori Penny Stocks

Sul fronte economico, il Dipartimento del Lavoro pubblicherà il rapporto sull’inflazione dei prezzi alla produzione per ottobre alle 8:30 EST. Gli economisti, in media, si aspettano che l’indice mostri un aumento su base mensile dello 0,2%, lo stesso ritmo di ottobre. Il tasso annuo della metrica dovrebbe scendere dal 8% al 7,2%. Il PPI core potrebbe essere aumentato del 5,9% su base annua rispetto a un aumento del 6,7% di ottobre.

Il Dipartimento del Commercio rilascerà il rapporto sugli inventari all’ingrosso per ottobre alle 10:00 EST. La variazione mese su mese dovrebbe rimanere stabile allo 0,8%.

Più o meno alla stessa ora, l’ Università del Michigan dovrebbe pubblicare il suo indice preliminare del sentiment dei consumatori per dicembre. L’indice principale dovrebbe attestarsi a 56,9 rispetto a 56,8 di novembre. È probabile che gli investitori si concentrino sulle due letture dell’inflazione trovate nel rapporto, vale a dire le aspettative di inflazione a un anno e a cinque anni.

Titoli sotto i riflettori

  • DocuSign Inc. (NASDAQ:DOCU) è aumentato di oltre il 12% nelle negoziazioni pre-market in risposta ai risultati trimestrali.
  • Chipmaker Broadcom Inc. (NASDAQ: URBN) ha guadagnato oltre il 3% dopo la pubblicazione dei risultati trimestrali.
  • Lululemon Athletica Inc. (NASDAQ:LULU) è crollato di oltre il 6,50%, reagendo alle indicazioni inferiori alla media per il trimestre di dicembre.
  • Li Auto, Inc. (NASDAQ:LI) è sceso di oltre il 3% sul rilascio degli utili.

 

 

 

Materie prime, altri mercati azionari globali

I futures sul petrolio greggio stavano rimbalzando moderatamente dopo sei sessioni consecutive di perdite. La recente debolezza ha rispecchiato le preoccupazioni relative alla domanda e le aspettative secondo cui l’economia globale probabilmente scivolerà in una recessione.

Un barile di greggio di qualità WTI sta salendo dello 0,76%, a 72 dollari al barile.

I principali mercati dell’Asia-Pacifico hanno chiuso in verde venerdì, incoraggiati dal rialzo a Wall Street. L’Hang Seng di Hong Kong ha guidato ancora una volta i guadagni, chiudendo in rialzo del 2,32%, a 27.901,01. In controtendenza rispetto al trend rialzista, i mercati indiano, indonesiano e neozelandese hanno chiuso la sessione in ribasso.

Le azioni europee erano in aumento in tarda mattinata, anche se l’umore riflette cautela in vista dei dati economici chiave dagli Stati Uniti.

Vuoi scoprire i migliori trade dei nostri professionisti? Per Natale ti offriamo la possibilità di abbonarti alla nostra Newsletter 4 in 1 con il 50% DI SCONTO. E le prime due settimane sono GRATISScopri di più