I risvolti della legge CHIPS for America

Il disegno di legge da 25 miliardi di dollari in 5 anni dovrebbe favorire i produttori di semiconduttori e chip statunitensi.

I Risvolti della Legge CHIPS For America
2' di lettura

I politici statunitensi stanno prendendo in considerazione un pacchetto di incentivi per l’industria dei semiconduttori, che darebbe al settore un’iniezione di liquidità da circa 25 miliardi di dollari in cinque anni. Il disegno di legge bi-partisan include crediti d’imposta per ricerca e sviluppo e per l’acquisto di attrezzature, con lo scopo di aumentare la competitività globale dell’industria USA.

A breve termine, la politica potrebbe favorire la crescita incrementale dei titoli di aziende legate ai dispositivi a semiconduttore, come Applied Materials, Inc. (NASDAQ:AMAT), Lam Research Corporation (NASDAQ:LRCX) e KLA Corp (NASDAQ:KLAC), secondo Bank of America.

“In effetti, una maggiore produzione manifatturiera USA potrebbe anche far ridurre il notevole eccesso di sentiment rispetto all’esposizione verso la Cina”, hanno scritto gli analisti Vivek Arya e Adam Gonzalez in una nota.

Il pacchetto di incentivi potrebbe anche aumentare la redditività dei produttori di chip nazionali, riducendo le spese operative e il carico fiscale; catalizzare uno spostamento della produzione da Taiwan; e ispirare Intel Corporation (NASDAQ:INTC) a perseguire i suoi obiettivi di fabbrica in modo più aggressivo.

I vantaggi si vedranno nel corso del tempo

Tuttavia, i vantaggi derivanti da questa legge potrebbero richiedere del tempo per manifestarsi.

“Dal nostro punto di vista, tradurre le intenzioni di finanziamento nella pratica legislativa, e dunque in una produzione USA all’avanguardia, richiederà alcuni anni, data la complessità (esistono al momento solo tre produttori di chip all’avanguardia, TSMC, Intel, Samsung), le spese (10-15 miliardi di dollari per una nuova fabbrica) e il tempo necessari (più di due anni)”, hanno scritto Arya e Gonzalez. “Quella dei semiconduttori è un’industria globale, quindi il solo trasferimento della produzione non cambierà la domanda complessiva (una domanda incrementale da 5 miliardi di dollari negli Stati Uniti significherebbe 5 miliardi di dollari di domanda in meno altrove) e potrebbe incagliare la capacità del settore o renderlo più ciclico”.

Gli analisti hanno aggiunto che la legislazione sembra mirare a chip logici specifici piuttosto che a quelli di memoria, con questi ultimi che in realtà rappresentano una specialità a stelle e strisce.

Implicazioni per il settore

A lungo termine, Bank of America sospetta che il pacchetto di incentivi possa determinare la frammentazione dell’industria globale.

“La domanda è se l’aumento degli investimenti sovrani sia negli Stati Uniti che in Cina e forse in altri Paesi cambierà la struttura del settore. Siamo scettici, ma prevediamo una maggiore frammentazione, con i fornitori asiatici che fornirebbero parti di prodotto dalle prestazioni inferiori, nella media o dalle prestazioni più elevate ma meno convenienti per determinati mercati”.