Amazon, Twitch cambia nome in Prime Gaming

Il colosso di Seattle dovrà ora affrontare i dubbi riguardo allo streaming di musica senza licenza sulla sua piattaforma

Amazon, Twitch cambia nome in Prime Gaming
2' di lettura

Amazon.com, Inc. (NASDAQ:AMZN) ha annunciato un rebranding della propria piattaforma di streaming Twitch Prime in Prime Gaming.

Prime Gaming includerà ancora le funzionalità offerte da Twitch Prime, inclusi giochi gratuiti, contenuti di gioco esclusivi e un abbonamento Twitch mensile gratuito.

Amazon allinea i marchi principali L’annuncio allinea i contenuti di gioco alle altre funzionalità di Amazon Prime, incluso Prime Video.

Alcuni famosi produttori di giochi quali Riot Games e Rockstar Games, consociata di Take-Two Interactive (NASDAQ:TTWO), hanno stipulato un accordo con Amazon volto a fornire contenuti di gioco esclusivi per i membri Prime.

Prime Gaming sarà disponibile in 200 Paesi e territori in cui Amazon offre servizi e abbonamento Prime.

Il servizio di gioco di Amazon non potrà comunque sfuggire agli inviti all’azione relativi al problema dello streaming di musica senza licenza.

Il dibattito sulla musica presente su Twitch Lunedì il comitato esecutivo della Artist Rights Alliance ha inviato una lettera a Jeff Bezos, chiedendo maggiori informazioni in merito alla possibilità che la piattaforma di Twitch consenta lo streaming musicale senza licenza.

Il mese scorso, durante la testimonianza di Bezos davanti alla sottocommissione antitrust della Commissione giudiziaria della Camera degli Stati Uniti, il membro della Camera Kelly Armstrong ha chiesto a Bezos se Twitch consenta agli utenti di riprodurre musica in streaming senza l’ottenimento di una licenza.

Bezos ha risposto di non saperlo e che esaminerà la questione.

Lo streaming di musica senza licenza danneggia gli artisti che si guadagnano da vivere con i diritti di streaming, ha affermato l’Artist Rights Alliance.

La lettera chiede a Bezos di “spiegare cosa sta facendo o intende fare per impedire in modo proattivo che ciò accada e per garantire che artisti e cantautori ricevano un equo valore di mercato per il loro lavoro quando la loro musica viene riprodotta su Twitch?”

Nessun Articolo da visualizzare