Criptovalute: Bitcoin tiene, Ethereum sale

La reazione delle altcoin arriva dopo la nomina da parte di Biden di Gary Gensler, esperto di criptovalute, alla guida del team di transizione della politica finanziaria

Criptovalute: Bitcoin tiene, Ethereum sale
2' di lettura

All’inizio della giornata di mercoledì, al momento della stampa, Bitcoin ha mantenuto i suoi guadagni al di sopra del livello psicologico dei 15.000 dollari, aumentando dello 0,6%, dopo che un ex funzionario pubblico considerato esperto di criptovalute è stato nominato dal presidente eletto Joe Biden per guidare il team di transizione della politica finanziaria.

Cosa è successo: Gary Gensler, ex presidente della Commodity Futures Trading Commission, è stato nominato dal presidente eletto Joe Biden per guidare il team di transizione della politica finanziaria, come riferito martedì da CoinDesk.
Gensler ha studiato da vicino la criptovaluta e in precedenza ha testimoniato davanti al Congresso, opponendosi al paragone fra criptovalute e schemi Ponzi.

Nel frattempo, il contratto di deposito per Ethereum 2.0 ha raggiunto oltre 50.000 ETH, ovvero il 10% necessario per inaugurare il nuovo aggiornamento, secondo CoinDesk.

La criptovaluta creata da Vitalik Buterin sta passando dall’algoritmo proof-of-work a un modello che supporta la proof-of-stake.

Per diventare un validatore sulla nuova rete, un utente Ethereum deve investire una quota minima di 32 ETH; una volta che la nuova rete sarà attiva, i validatori inizieranno a guadagnare premi in blocco con un ritmo dell’8-15% annuo, ha riferito CoinDesk.

Al momento della pubblicazione, Ethereum (ETH) ha avuto un rialzo del 3,73%, a 460,68 dollari, Chainlink (LINK) ha registrato un aumento del 3,55%, a 13,13 dollari, e XRP ha fatto segnare +1,62%, a 0,255 dollari.

Bitcoin Cash (BCH) e Monero (XMR) hanno rappresentato delle anomalie rispetto ai movimenti al rialzo delle altcoin, con cali rispettivi del 2,18% e dello 0,93%, rispettivamente a 257,45 dollari e a 115,83 dollari.

Perché è importante: gli analisti hanno sottolineato l’interesse istituzionale per il settore delle criptovalute e in generale per il movimento rialzista di questi asset, come riportato in un’altra occasione da CoinDesk.

Su base annua, Bitcoin ha avuto un rendimento del 114,94%, mentre Ethereum è aumentata del 254,26%.

“Varie istituzioni si stanno impegnando per nuovi prodotti e per ricerca e sviluppo, rassicurando un nuovo gruppo di investitori sul fatto che il settore sta maturando”, ha detto a CoinDesk Brian Mosoff, amministratore delegato di Ether Capital.

“BTC sta metabolizzando i recenti e confusi eventi macroeconomici e politici e si sta consolidando in vista del suo prossimo movimento”, ha affermato Jean-Marc Bonnefous, socio dirigente di Tellurian Capital, secondo CoinDesk.

Bonnefous ha messo in evidenza la rotazione da BTC alla finanza decentralizzata (DeFi), che secondo lui è in “pieno fermento ora” e che è “tipica dei trader che reimpiegano il capitale su asset a rendimento più elevato”.

Movimento dei prezzi: al momento della pubblicazione, Bitcoin era in rialzo dello 0,59%, a 15.389,19 dollari.