Parler torna online grazie a una società tech russa

Il supporto alla piattaforma è stato garantito da DDos-Guard, il cui scopo è quello di proteggere da attacchi distribuiti di negazione dei servizi

Parler torna online grazie a una società tech russa
1' di lettura

Il social media Parler è riuscito a tornare parzialmente sul web e nella tarda giornata di lunedì, al momento della pubblicazione, il suo sito Internet è attivo.

Cosa è successo: al momento la funzionalità del sito web sembra limitata alla visualizzazione di alcuni messaggi del team di Parler.

“Il nostro ritorno è inevitabile a causa del duro lavoro e della tenacia contro ogni previsione. Nonostante le minacce e le angherie, nessun dipendente Parler ha lasciato. Stiamo diventando più vicini e più forti come squadra”, ha affermato John Matze nella dichiarazione più recente sul sito web di Parler.

Nella foto: uno screenshot parziale del sito web di Parler al momento della pubblicazione.

Il ritorno di Parler sul web è stato reso possibile da DDos-Guard, una società tecnologica russa, ha riferito Reuters, citando l’esperto di infrastrutture Ronald Guilmette.

DDos-Guard è controllata da due uomini russi e offre servizi come la protezione da attacchi distribuiti di negazione dei servizi, secondo Reuters.

Perché è importante: il sito web di Parler è andato offline la scorsa settimana dopo che Amazon.com Inc. (NASDAQ:AMZN) ha ritirato il supporto per il web hosting in cloud all’indomani della rivolta dei sostenitori del presidente uscente Donald Trump a Capitol Hill.

Anche Alphabet Inc. (NASDAQ:GOOGL) (NASDAQ:GOOG) ed Apple Inc. (NASDAQ:AAPL) hanno rimosso l’app Parler dalle loro piattaforme.

Non è ancora chiaro se il sito web di Parler potrà tornare alla piena funzionalità e se gli utenti potranno tornare a pubblicare; Reuters ha osservato che la maggioranza degli utenti di Parler preferisce le app al sito web.

Guarda anche: Parler fa causa ad Amazon