Anche nei titoli tecnologici Usa occorre essere disciplinati e selettivi

1' di lettura

Chul Chang (Vontobel Asset Management) ammette che il mercato sia caratterizzato da un certo livello sopravvalutazione. Ma non tutti i titoli tecnologici sono uguali e fa gli esempi di Teradyne, Synopsys e Keysight

La proliferazione dei dati e lo sviluppo continuo della digitalizzazione nel mondo non sta affatto rallentando nemmeno con la pandemia. Un fenomeno che, se da un lato costituisce un evidente vantaggio per il settore della tecnologia, dall’altro non chiarisce quali aziende ne beneficeranno in modo sostenibile e quali rischiano di essere travolte dalle bolle di mercato.

COMPAGNIE GUIDATE DA TENDENZE SECOLARI

“Per gli investitori a lungo termine meglio non puntare sulle aziende che potrebbero beneficiare di un’ondata a breve termine, come un ritorno alla normalità post-Covid. Consiglio invece di concentrarsi sulle compagnie guidate da tendenze secolari o con barriere difficili da penetrare, aziende che hanno ampio spazio per crescere e possono continuare a guadagnare quote di mercato nel lungo periodo”, fa sapere Chul Chang, Portfolio Manager di Vontobel Asset Management...

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.