Microsoft, accordo da $22M con Esercito USA per visori AR

Il colosso di Redmond allunga i tentacoli sugli accordi nel campo della difesa e in particolare con il Pentagono

Microsoft, accordo da M con Esercito USA per visori AR
2' di lettura

L’accordo da 21,9 miliardi di dollari stipulato da Microsoft Corporation (NASDAQ:MSFT) con l’Esercito degli Stati Uniti per costruire visori personalizzati per realtà aumentata (AR) dimostra che la società sta stringendo la presa sugli accordi nel campo della difesa e che sta guadagnando quote di mercato sui suoi rivali, come afferma l’analista di Wedbush Daniel Ives.

Cosa è successo: mercoledì Ives ha affermato in una nota che l’accordo sui visori, arrivato in seguito alla recente e storica aggiudicazione del Joint Enterprise Defense Infrastructure Cloud (JEDI), è un indicatore del fatto che la società sta “stringendo la presa” sul Dipartimento della Difesa e sul Pentagono.

L’analista prevede che Microsoft guadagnerà quote di mercato da compagnie come Amazon.com, Inc (NASDAQ:AMZN) e dalla sua consociata cloud Amazon Web Services.

Segnatamente, Amazon ha contestato per vie legali il contratto JEDI da 10 miliardi di dollari di Microsoft.

“Questo è un altro accordo che mostra gli ampi tentacoli dei prodotti MSFT nell’ecosistema cloud Azure e sul fronte AR, che consente a Nadella & Co. di mostrare i muscoli all’interno della Beltway”, ha scritto Ives.

Leggi anche: Da Amazon a Microsoft, come cambiano gli equilibri nel cloud

Ives ha mantenuto su Microsoft il rating Outperform e ha un target price di 231,85 dollari.

Perché è importante: oltre 120.000 visori, basati sull’Holo Lens di Microsoft, verranno consegnati all’esercito nel giro di dieci anni, secondo quanto riportato mercoledì dal Wall Street Journal.

Da quanto emerge, Microsoft avrebbe affermato che i visori più recenti terranno i soldati maggiormente al sicuro e li renderanno più efficienti, migliorando la consapevolezza situazionale e fornendo loro opportunità di addestramento.

Secondo quanto riferito, i visori funzioneranno con un software realizzato dal colosso tech di Redmond (Washington) e saranno supportati dal suo servizio di cloud computing Azure.

Nel 2018 la società guidata da Satya Nadella si è aggiudicata un contratto da 480 milioni di dollari per fornire all’esercito 100.000 visori HoloLens modificati, ha osservato il Journal.

La corsa al settore della realtà aumentata si sta scaldando: sembra che la rivale tech Apple Inc (NASDAQ:AAPL) stia lavorando a un visore AR con tracciamento oculare e riconoscimento dell’iride.

Leggi anche: Facebook, 20% del personale su progetti AR/VR

Mercoledì è stato riportato che Snap Inc (NYSE:SNAP), società madre di Snapchat, sta pianificando una nuova generazione di occhiali smart che consentiranno agli utenti di accedere agli effetti di realtà aumentata.

Movimento dei prezzi: mercoledì le azioni Microsoft hanno chiuso in rialzo di quasi l’1,7% a 235,77 dollari e nella sessione after-hours hanno poi guadagnato un altro 0,75%.