Facebook, abbonati a Workplace in aumento del 40%

I numeri sugli abbonati paganti al servizio di comunicazione aziendale, tuttavia, rimango molto indietro rispetto al servizio rivale Teams di Microsoft

Facebook, abbonati a Workplace in aumento del 40%
2' di lettura

Martedì Facebook Inc (NASDAQ:FB) ha dichiarato che il numero di abbonati a pagamento a Workplace, il suo software di comunicazione aziendale, è aumentato del 40% rispetto all’anno scorso, raggiungendo i 7 milioni di sottoscrizioni.

Cosa è successo: Workplace e Teams, il suo maggior rivale di proprietà di Microsoft Corp (NASDAQ:MSFT), hanno registrato un robusto aumento della domanda degli utenti dal momento che la pandemia globale ha fatto lievitare il lavoro da casa.

Facebook Workplace, che ad ottobre del 2019 contava 2 milioni di abbonati a pagamento, ha visto questo numero salire fino a 5 milioni a maggio 2020, un balzo di circa il 67%.

Le aziende utilizzano Workplace, Teams e il software aziendale omonimo di Slack Technologies (NYSE:WORK) per la comunicazione interna.

Workplace, che annovera tra i suoi clienti AstraZeneca Plc (NYSE:AZN) e Starbucks Corp (NASDAQ:SBUX), è stato lanciato da Facebook nel 2016.

Perché è importante: in termini di prezzo, il livello Advanced di Workplace costa 4 dollari per utente al mese, mentre il livello Enterprise ha un costo di 8 dollari per utente al mese.

Leggi anche: Microsoft Teams, +475% di utenti attivi giornalieri in un anno

Teams offre una versione gratuita con funzionalità limitate, una versione di base che costa 5 dollari per utente al mese, una versione standard al prezzo di 12,50 dollari per utente al mese e una versione aziendale a 20 dollari per utente al mese.

Attualmente Microsoft Teams è molto più avanti rispetto alla concorrenza, con 145 milioni di utenti attivi giornalieri stimati ad aprile, in crescita di oltre il 93% rispetto ai 75 milioni di aprile 2020.

A settembre 2019 Slack dichiarava di avere 12 milioni di utenti attivi giornalieri, ma da allora ha smesso di rivelare le proprie statistiche.

La pandemia di COVID-19 ha aumentato la necessità degli strumenti di collaborazione a distanza; con il lancio della campagna vaccinale e la graduale riapertura delle economie, le aziende stanno ancora osservando stickiness (ovvero la capacità di trattenere gli utenti) e crescita per questi strumenti.

“Nei mercati in cui i dipendenti sono tornati sul posto di lavoro, fra cui Australia, Cina, Nuova Zelanda, Corea del Sud e Taiwan, abbiamo visto che l’utilizzo ha continuato a crescere”, ha detto la scorsa settimana agli analisti Satya Nadella, CEO di Microsoft, durante la chiamata post-utili.

“E il numero di organizzazioni con più di 1.000 utenti, che integrano le loro applicazioni terze e quelle dedicate alle linee di business con Teams, è salito di quasi 3 volte su base annua”.

Movimento dei prezzi: martedì le azioni di Facebook hanno chiuso in calo dell’1,31% a 318,36 dollari.

Foto per gentile concessione di Facebook

Nessun Articolo da visualizzare