Dare valore alla liquidità: un obiettivo che è diventato una necessità

Dare valore alla liquidità: un obiettivo che è diventato una necessità
1' di lettura

La liquidità sui conti correnti degli italiani ha raggiunto livelli record, ma tenere i risparmi fermi significa perdere potere d’acquisto a causa dell’inflazione

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Secondo l’ultima ricerca pubblicata dall’Associazione Bancaria Italiana (ABI), nel 2020 la liquidità depositata sui conti correnti italiani ha raggiunto il massimo storico, toccando i 2.000 miliardi di euro circa tra conti correnti e depositi. In particolare, nel solo 2020, i risparmi lasciati sui conti sono aumentati di oltre 133 miliardi di euro.

IL CONTO CORRENTE NON BASTA

Una somma imponente, che dall’anno scorso è cresciuta del 7%. Complice l’attuale contesto di crisi post Covid-19, la maggior parte delle famiglie italiane preferisce “conservare” il proprio denaro. Tuttavia mantenere i risparmi bloccati sui conti correnti non è la scelta più corretta da fare, soprattutto se diventa uno “stile” di investimento alternativo. Molti pensano che immobilizzare denaro in strumenti infruttiferi (come i conti correnti) sia l’opzione migliore per difendersi dalla volatilità dei mercati e dall’incertezza sul proprio futuro. Certo, il conto corrente è sempre stato l’emblema del “risparmio sicuro” e liquido, un po’ come un piccolo grande salvadanaio dove poter mettere anche i frutti del lavoro di una vita. Il problema è che, così facendo, i risparmi non solo non crescono, ma col tempo perdono persino valore

Continua la lettura



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.