Conto corrente, ecco come averlo senza spese

2' di lettura

I costi per le operazioni allo sportello e online sono in crescita: gli aumenti medi per l’home banking sono arrivati fino al 15%. Ecco come fare per risparmiare

La spesa media di gestione di un conto corrente arriva a sfiorare gli 80 euro all’anno. Secondo i dati della Banca d’Italia, nel 2017, la cifra è arrivata a 79,4 euro con un aumento di circa 1,8 euro rispetto all’anno precedente. La crescita deriva principalmente dai canoni di base e, in maniera meno significativa, dai canoni per le carte di credito e di debito. Oltre al canone, occorre valutare anche i costi per le singole operazioni: un bonifico costa meno se eseguito online rispetto alla filiale. Ma è possibile scegliere un conto che sia gratuito? Risposta affermativa, se si attiva un conto corrente online.

I COSTI DEI CONTI CORRENTI

Altroconsumo ha calcolato quanto sono cambiati in media in un anno i costi per le operazioni a sportello e online dei conti correnti: con l’home banking aumenti medi tra l’11% e il 15%. Secondo i dati di Bankitalia, nel 2019 la spesa di gestione di un conto online è stata pari a 21,4 euro, ovvero 5,9 euro in più rispetto all’anno precedente. Ma quali sono i costi da considerare? Tra quelli fissi, il canone mensile del conto corrente e quello annuale della carta di debito e della carta di credito. Ci sono anche le spese di gestione del conto titoli e le spese di liquidazione interessi, che le banche applicano alla chiusura dell’anno. Poi da considerare anche le spese di comunicazione, per estratti conto e comunicazioni di trasparenza, e il canone dell’home banking. Ci sono banche, però, che non applicano questi costi e, per alcuni conti, possono anche essere tutti a zero…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.