Candriam punta sulle società innovative che riducono la dipendenza dalle trasfusioni

1' di lettura

Le strategie di investimento del settore Healthcare includono molte biotech che studiano soluzioni salvavita per pazienti affetti da patologie gravi ad oggi curabili soltanto con il sangue

Il sangue è vitale, il sangue è simbolo di vita. Fin dalle leggende popolari, con il mito dei vampiri, il sangue è considerato fonte di salvezza. Dagli inizi del Novecento in poi, quando sono stati scoperti i gruppi sanguigni, si è visto che con le trasfusioni è possibile salvare molte vite umane e che con i vari componenti (globuli rossi, piastrine, plasma) si possono curare anche diverse patologie. Tuttavia, reperire sangue non è semplice ma grazie al lavoro di molte aziende biotecnologiche si riesce a sopperire all’insufficienza. La strategia di Candiam Healthcare punta proprio sulle innovazioni mediche che stanno rivoluzionando il trattamento di molte patologie e che possono salvare la vita ai pazienti che necessitano continuamente di trasfusioni.

LIMITI ALL’USO DI SANGUE

L’uso del sangue umano a scopo terapeutico presenta degli impedimenti dovuti alla scarsità e alla deperibilità. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), nei centri di raccolta del sangue di tutto il mondo ogni anno vengono effettuate circa 118,5 milioni di donazioni, ma non è abbastanza. Purtroppo il sangue ha una durata soltanto di 42 giorni e, per garantire che duri così a lungo, deve essere conservato al fresco. Un altro limite importante delle trasfusioni è che il sangue del donatore deve essere dello stesso gruppo sanguigno del ricevente. Inoltre, il sangue del donatore deve essere controllato per verificare l’eventuale presenza di malattie quali l’epatite e il virus dell’immunodeficienza umana (HIV), il che aumenta il costo della trasfusione…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.