Larry Fink (BlackRock): “A rischio le aziende che non creano condizioni migliori per i dipendenti”

1' di lettura

Il numero uno del più grande gestore patrimoniale del mondo ha anche difeso un movimento di azionisti che spinge le aziende a concentrarsi sugli interessi della società oltre che sui profitti

“Il capitalismo degli stakeholder non ha niente a che fare con la politica, non rientra in nessuna agenda sociale o ideologica. Non è un’istanza ‘woke’. È il capitalismo, che fa leva sulle relazioni reciprocamente vantaggiose tra voi e i vostri dipendenti, clienti, fornitori e le comunità su cui la vostra società fa affidamento per prosperare. È questo il potere del capitalismo”. Sono le parole di Larry Fink, amministratore delegato di BlackRock, in difesa di un movimento di azionisti che spinge le aziende a privilegiare gli interessi della società oltre che i profitti.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

LA LETTERA ANNUALE

Il numero uno di BlackRock rivolge, nell’annuale lettera ai Ceo, un invito nell’impegnarsi con le aziende sulla transizione energetica, collaborando con i governi. “Il disinvestimento da interi settori, o semplicemente il passaggio di attività ad alta intensità di carbonio dai mercati pubblici ai mercati privati, non porterà il mondo a zero emissioni”, ha commentato Fink…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.